In Svizzera il progetto della pista di ghiaccio più lunga del mondo

Category:

Un lunghissimo lembo di terra, quello dell’area dell’aerodromo di Ambrì Piotta, nella Valle Leventina dell’Alto Ticino svizzero, sta per essere trasformato in una pista di ghiaccio ipermoderna e pressoché unica nel suo genere, un motore di rilancio per lo sviluppo della Leventina, un’opportunità di riqualifica per l’attrattività turistica dell’intera Regione. Il pioneristico progetto porta l’acronimo di «SPAP», Suisse Projets Ambrì Piotta, un’idea nata dall’architetto Marco Giussani di Suisse Projets, appunto, che diventa «attrattore, una sorta di catalizzatore turistico-commerciale in grado di caratterizzare la regione, aumentandone il bacino di utenza», come scrive la Suisse Projets con sedi a Mezzovico e Bironico, nella Regione del Canton Ticino, in Svizzera. Sostanzialmente si trasformerà la pista di atterraggio dell’aeroporto di Ambrì nella pista di pattinaggio più lunga del mondo, che diventerà anche teatro di importanti eventi aggreganti per tutto il periodo invernale: 10 mila metri quadrati di ghiaccio artificiale grazie a tappeti refrigeranti posati sull’asfalto per una lunghezza di un chilometro, con 10 mila metri quadrati di camminamenti, ed aree espositive per 18 mila metri quadrati. Maratona di pattinaggio, piste per slitte trainate da cani, curling, lo scivolo innevato per gommoni più lungo del mondo e mercatino natalizio sui pattini sono solo alcuni degli eventi che SPAP potrebbe ospitare, nell’interesse di tutta la Regione, “un progetto capace di contestualizzarsi ed integrarsi non solo nella morfologia del paesaggio ma anche nella cultura e nella tradizione del luogo”, come l’architetto Marco Giussani, lo stesso che ha ideato la Splash and Spa di Rivera-Monteceneri (Svizzera).

www.suisseprojets.com

 

sponsored
sponsored

Related Posts

Steve McCurry: Animals in mostra al nuovo spazio espositivo Mudec Photo

Il Museo delle Culture ha inaugurato il nuovo spazio espositivo Mudec Photo, dedicato alla fotografia d’autore, con la mostra Animals di Steve McCurry. Un progetto espositivo curato da Biba Giacchetti che ci presenta sessanta immagini da osservare in modo libero, senza dover seguire un percorso preciso, scattate in tutto l’arco della lunga carriera del fotografo americano

IT BAGS: Chloè C Bag introduce il nuovo logo C in metallo dorato

Catenaccio: L’allure romantica e il design elegante di Chloé incontrano il mood urbano nella nuova Chloé C Bag con logo in metallo oro che ricorda un audace gioiello. L’addio alla direzione creativa, si sa, genera sempre un sentimento di nostalgia per il passato e curiosità per chi prenderà le redini di una storica casa di moda che conserva heritage e forte identità

Una vita da scienziata: gli scatti di Gerald Bruneau insieme a Fondazione Bracco, per il progetto #100esperte

Fondazione Bracco ha realizzato una mostra fotografica, inaugurata lo scorso 16 gennaio, per presentare volti e competenze di alcune delle scienziate del progetto #100esperte, nato per valorizzare l’expertise femminile in settori percepiti ancora come dominio maschile. La mostra, con gli scatti del celebre fotografo Gerald Bruneau, è incentrata sulle STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) e sarà aperta fino al 30 giugno 2019 a Milano presso il CDI - Centro Diagnostico Italiano di Via Saint Bon 20 a Milano.