Giappone, è tempo di ciliegi in fiore

Category:

Quando arriva la Primavera, l’intero Giappone, dal Kyushu allo Hokkaido, entra in fermento: uno dei momenti più magici sta per rivelarsi, ovvero i ciliegi in fiore, che attirano molte famiglie a gite fuori porta. E non solo, perché persone da tutto il mondo si mettono in viaggio per godersi uno degli eventi più significativi e meravigliosi che la natura giapponese abbia da offrire.

Perché i ciliegi? Come spesso accade quando si parla di cultura giapponese, tutto comincia in Cina. Durante il periodo Heian (794-1191) infatti vengono importate molte pratiche nobili tra cui quella dell’osservazione dei fiori, da cui prende appunto origine il termine che vedremo più avanti cioè “Hanami”. A onor del vero l’albero da fiore prediletto era quello della prugna, che piano piano nel corso dei secoli è stato sostituito dal ciliegio, in giapponese Sakura. Tra i giapponesi esiste oggi appunto la tradizione, che prende il nome di Hanami (letteralmente “vista dei fiori”). Con questa parola si intende il trovarsi sotto i ciliegi per ammirarne la bellezza e la particolarità.

Il periodo della fioritura varia a seconda della latitudine, per cui nell’isola di Hokkaido a Nord del Giappone i ciliegi fioriscono dopo che nelle regioni più a Sud.

Indicativamente a Tokyo i ciliegi fioriscono tra l’ultima settimana di marzo e la prima di aprile, quindi questo è il periodo migliore per godersi la città e i suoi ciliegi. A Tokyo ci sono moltissimi luoghi dove fare hanami, cioè ammirare i fiori di ciliegio. Eccone alcuni fra i più celebri.

Il Parco di Ueno in primavera si popola di migliaia di persone che con amici, famigliari o colleghi di lavoro fanno un pic-nic sotto i fiori di ciliegio.

Santuario Yasukuni: è un santuario per ricordare i caduti della guerra, si trova sulla Marunouchi Line presso la stazione di Otemachi o sulla Hanzomon Line presso la stazione di Kudanshita, dove tra l’altro c’è l’Istituto Italiano di Cultura.

Non lontano dal Santuario Yasukuni c’è il parco Chidorigafuchi dove tra l’altro si può noleggiare un pedalò per ammirare i Sakura dall’acqua che fa da contorno al Palazzo dell’Imperatore. E’ una zona davvero incredibile per l’Hanami.

Nel rilassante quartiere di Naka Meguro si possono ammirare i fiori di ciliegio in una cornice veramente unica lungo le sponde del fiume Meguro.

A pochi passi dal tempio Meiji-Jingu, vicino alla stazione di Harajku, c’è il parco Yoyogi, dove oltre a cosplay e gruppi rockabilly, in primavera è possibile ammirare i ciliegi in fiore tra migliaia di giovani giapponesi che fanno un pic-nic con gli amici.

sponsored
sponsored

Related Posts

Milano Gallery Weekend: Otto Zoo

Otto Zoo è stata fondata da Francesca Guerrizio e Maurizio Azzali nel 2008. La galleria propone un approccio sperimentale alle diverse pratiche dell’arte contemporanea. Il programma si concentra su artisti giovani e middle-career, Italiani e internazionali

MANSUR GAVRIEL: La Capsule Collection omaggia ALEXANDER CALDER

Forme e colori che danno vita a sculture dalla natura cinetica: l’opera di Alexander Calder, l’artista americano del Novecento, si basa su complessi meccanismi in grado di muoversi e di attivarsi interagendo con l’uomo

LVMH per la holding del lusso è un vero boom

Le azioni del gruppo LVMH crescono di quasi il 50% da inizio anno, trascinando il comparto del lusso al rialzo. Il prezzo delle azioni è passato, in poco più di nove mesi, da 253,3 euro di inizio 2019 agli odierni 375,8 euro