Leonardo: più elegante dei sovrani

Category:

Alto, forte, intelligente, bello ed elegante; così si presentava ai suoi contemporanei Leonardo da Vinci. L’artista-scienziato autore di intuizioni futuristiche come la moderna automobile, l’elicottero, lo scafandro ed il paracadute, si distinse anche per aver inventato oggetti meno complessi ma non per questo meno importanti.

 

Mentre nei banchetti regali del Rinascimento si “conviviava” infrangendo le più banali regole del galateo, Leonardo cercava di porre dei rimedi alle cattive abitudini inventando il tovagliolo. Un semplice oggetto di stoffa quadrata entrava nelle sale da pranzo della corte di Ludovico il Moro per sostituirsi a maniche di camicia, mani e tovaglie utilizzate persino dai sovrani per pulirsi la bocca.

Leonardo Da Vinci

L’igiene e l’eleganza erano delle priorità per Leonardo che indossava raffinati abiti da lui stesso confezionati. Non è la stoffa che attribuisce eleganza al vestito, ma la sua confezionatura. Lo stesso principio vale anche per i quadri, i gioielli, le sculture che diventano oggetti di lusso non per la qualità dei colori o dei materiali preziosi che li compongono, ma per la forma, l’armonia ed il concetto che l’artista riesce a conferire alla materia plasmandola.

Ultima Cena

Leonardo comprese bene questo principio e ne abusò. Sempre a Milano, nel refettorio del convento della Chiesa di Santa Maria delle Grazie, dipinse il Cenacolo utilizzando della tempera forte anziché la più efficace e costosa tecnica dell’affresco. Nella sua Ultima Cena non ci sono macchie sulla tovaglia e sugli abiti dei commensali, ma ne compariranno ben presto sulla pittura che verrà aggredita dall’umidità. Nonostante tutto l’opera divenne subito famosa. Molti artisti si recarono a Milano per studiare e copiare i nuovi canoni artistici dettati dal da Vinci, e mentre la pittura si scrostava dalle pareti il prestigio del dipinto continuava ad aumentare.

ex-cenacolo

Nel 2006 ho ipotizzato un altro Cenacolo nascosto nello stesso dipinto murario, rendendolo speculare, come Leonardo faceva con i suoi scritti, e sovrapponendolo allo stesso tramite uno stereoscopio, strumento, secondo i miei studi, concepito dal genio. Gesù, al centro della tavola, compare con un terzo occhio: l’occhio che vede l’invisibile. San Filippo, che nel suo Vangelo apocrifo pone dubbi sul rapporto tra Gesù e Maria Maddalena, appare sovrapposto a San Giovanni apostolo, o a quella che per molti potrebbe essere la Maddalena. Filippo con una mano soffoca la figura dai connotati femminili e con l’altra le pone un coltello alla gola. San Giacomo minore e San Matteo si baciano sulla bocca. Queste ed altre immagini si palesano dalla decodificazione del Cenacolo e di altre opere Leonardesche come la Vergine delle Rocce e la Gioconda.

Prof. Luca Caricato

I sospetti di eresia che da sempre alimentano la fama del dipinto rendendolo ancora più prezioso, sembrerebbero essere confermati dalle immagini rivelate dalla mia ricerca e che oggi, dopo quasi dieci anni dalla prima pubblicazione, è arrivato il momento di divulgare con i suoi numerosi sviluppi. Possedere anche il più insignificante foglio di appunti del genio è un lusso riservato a pochissimi, come possedere il suo sapere. Anche i libri ed i giornali sono fatti di materia: carta, inchiostro, colle. Sta ai lettori riconoscerne il valore aggiunto ed il lusso di possederli.

Prof. Luca Caricato

sponsored
sponsored

Related Posts

Steve McCurry: Animals in mostra al nuovo spazio espositivo Mudec Photo

Il Museo delle Culture ha inaugurato il nuovo spazio espositivo Mudec Photo, dedicato alla fotografia d’autore, con la mostra Animals di Steve McCurry. Un progetto espositivo curato da Biba Giacchetti che ci presenta sessanta immagini da osservare in modo libero, senza dover seguire un percorso preciso, scattate in tutto l’arco della lunga carriera del fotografo americano

IT BAGS: Chloè C Bag introduce il nuovo logo C in metallo dorato

Catenaccio: L’allure romantica e il design elegante di Chloé incontrano il mood urbano nella nuova Chloé C Bag con logo in metallo oro che ricorda un audace gioiello. L’addio alla direzione creativa, si sa, genera sempre un sentimento di nostalgia per il passato e curiosità per chi prenderà le redini di una storica casa di moda che conserva heritage e forte identità

Una vita da scienziata: gli scatti di Gerald Bruneau insieme a Fondazione Bracco, per il progetto #100esperte

Fondazione Bracco ha realizzato una mostra fotografica, inaugurata lo scorso 16 gennaio, per presentare volti e competenze di alcune delle scienziate del progetto #100esperte, nato per valorizzare l’expertise femminile in settori percepiti ancora come dominio maschile. La mostra, con gli scatti del celebre fotografo Gerald Bruneau, è incentrata sulle STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) e sarà aperta fino al 30 giugno 2019 a Milano presso il CDI - Centro Diagnostico Italiano di Via Saint Bon 20 a Milano.