Search
Home / ART & DESIGN  / ART & CULTURE  / A proposito di…un Mercante di Nuvole

A proposito di…un Mercante di Nuvole

Alcuni di voi forse già di me avranno sentito parlare, ad altri forse straluneranno un po’ gli occhi nel leggere questa bizzarra associazione, ma son qui oggi per fare anche a voi una grande confessione. [caption

Alcuni di voi forse già di me avranno sentito parlare, ad altri forse straluneranno un po’ gli occhi nel leggere questa bizzarra associazione, ma son qui oggi per fare anche a voi una grande confessione.

Franco Audrito and curator Maria Cristina Didero waltz in the clouds 2015 © Archivio Studio65, Stefano Ferroni

Vi confesso miei cari lettori che il mio fare l’architetto è stata solo la copertura di quella che era la mia vera attività, che per un solenne impegno preso dovevo tenere nascosta. In realtà dal 1965 sono stato sempre, e soprattutto, un “Mercante di Nuvole”. In realtà dal 1965 sono stato sempre e soprattutto un “Mercante di Nuvole”. Sì, è proprio come avete capito: io ho prodotto, venduto e distribuito per il mondo, in questi 50 anni, le nuvole. E’ questa una storia che viene da lontano, e che vi voglio raccontare: Era la primavera del 1965 quando in America attraversavo le praterie del Nord Ovest, alla ricerca di me stesso e del senso della vita, “on the road”, sulle tracce di Kerouac. Per caso, in questo mio errare, incontrai un vecchio capo pellerossa mi volle confidare un segreto. Egli e la sua tribù, ormai sterminata, detenevano, tra tutte le tribù pellerossa, il segreto della produzione e distribuzione delle nuvole nel mondo. Segreto che si tramandava di generazione in generazione. Ma non aveva più speranza di poterlo tramandare all’interno della sua tribù ormai estinta, e mi rese partecipe del suo grande dolore, al pensiero che se questo segreto non fosse stato tramandato, il mondo sarebbe diventato un mondo senza nuvole, un mondo arido senza pioggia, primo passo verso un mondo senza sogni, senza fantasia, senza emozioni, categorie la cui cancellazione avrebbe seguito a ruota la cancellazione delle nuvole. Mi chiese, per il bene del mondo, di diventare il nuovo detentore di questo segreto. Accettai perché in quel momento capii che lì, dal grande vecchio, avevo trovato me stesso e capito il senso della vita. Mi insegnò allora a come produrle, a parcheggiarle nelle praterie del cielo e a come inviarle nel mondo, utilizzando le autostrade dei venti che percorrono i cieli, a diverse quote, di cui egli mi diede una mappa dettagliata, frutto di millenaria esperienza.

Appena rientrato in Italia, fondai subito lo Studio65, come società di copertura, ed iniziai a produrre nuvole, distribuendole nel mondo. Oltre a produrre le classiche, gli strati, i cirri ed i cumuli, con l’esperienza ho iniziato a produrre modelli speciali. Le nuvole dorate per tramonti romantici, solitamente commissionati da coppie innamorate, o quelle appena tinte di tenui colori rosati, per le albe attese da giovani amanti, al termine di notti d’amore. E poi, le nuvole giovani che percorrono galoppando come cavalli selvaggi le praterie dei cieli. Ho imparato a riconoscerne la voce, a decifrarne il linguaggio per comunicare con loro e guidarle a destinazione. Ho scoperto che è falsa la credenza degli uomini stolti che credono che le nuvole non possano essere visitate ed ospitare in modo confortevole i visitatori. Le nuvole possono essere cavalcate e con loro puoi volare lontano, o accomodarti nelle loro caverne, scivolare sui loro pendii, ruzzolare e saltare sulle loro morbide superfici. Ma ciò non è concesso a tutti. Le nuvole non rivelano questo loro mistero a tutti, perché non vogliono essere invase da orde di turisti vociferanti in pick nic domenicali, o farsi imbrattare da lattine di birra vuote e sacchetti di plastica. Esse rivelano questo privilegio soltanto a chi sa credere nei sogni come unica realtà ed è rispettoso dei silenzi e dei suoni della natura e dell’universo.

Questa è la chiave che apre la porta del mondo delle nuvole,
una chiave che vi svelerò attraverso una favola incantevole.
Venghino signori venghino in questa favola bella,
qui avrà inizio la narrazione di un’onirica storiella! 

info@excellencemagazine.luxury

Review overview
NO COMMENTS

POST A COMMENT

Logo Header Menu

Iscriviti alla Newsletter e scopri le ultime novità




Il/La sottoscritto/a dichiara inoltre di prestare il proprio specifico consenso al trattamento dei miei dati personali per l'invio tramite mail di comunicazioni informative,
nonché newsletter da parte di Excellence Magazine Luxury in relazione alle proprie iniziative.


Sign up for the Newsletter and discover the latest news




I, the undersigned, authorize my personal data to be processed for the purpose of receiving, via email, information and newsletters from Excellence Magazine Luxury as part of its initiatives.