Re Roger Federer

Category:

Trentasei anni, svizzero, Roger Federer è il più grande tennista del mondo. Premiato ai Laureus Sports Awards di Montecarlo, gli Oscar dello Sport, Federer è stato dichiarato per la sesta volta “lo sportivo dell’anno” grazie alle sue vittorie del 2017, lo sportivo Laureus più decorato dalla prima edizione del premio nel 2000. Dopo un semestre di ritiro nel 2016, che non gli ha permesso di partecipare  a Wimbledon e alle Olimpiadi, è tornato e si è aggiudicato il torneo di Londra per l’ottava volta, insieme agli Open d’Australia.

Non avrebbe senso mettersi a cercare qualcosa di nuovo da dire sul conto di Roger Federer. Nonostante abbia saputo costruirsi, anno dopo anno, partita dopo partita, nuove frontiere apparentemente inarrivabili nel corso di una carriera che ne ha fatto uno degli sportivi più grandi di sempre. E soprattutto uno dei più amati, in maniera trasversale e universale. Come pochi altri o forse addirittura come nessun altro. Oggi Federer è il numero 1 del ranking mondiale, l’icona del tennis maschile, è stato premiato anche con una seconda statuetta, quella dedicata al comeback – il ritorno appunto – dell’anno.

excellence magazine federerFederer ha vinto su una rosa di autorevoli candidati: il calciatore Cristiano Ronaldo, il mezzofondista Mo Farah, il pilota Lewis Hamilton, il tennista Rafael Nadal, il ciclista Chris Froome.” È un momento molto speciale per me” ha commentato Federer “tornare dopo un difficile 2016 è stata una vera impresa e vincere oggi è memorabile: non mi aspettavo un premio, ancor meno due statuette. Quando ho vinto il mio primo premio Laureus nel 2005, se qualcuno mi avesse detto che avrei finito per vincerne sei, non gli avrei creduto. È stata un’avventura fantastica“.

Di Federer si è detto tutto, ormai, ma il basilese ancora non ha espresso tutto se stesso. È questo se vogliamo il vero prodigio: ammutolire di fronte alla sua grandezza eppure rimanerne estasiati ogni volta di più. Temere il momento in cui dirà basta ma avere una sorta di convinzione che quel momento non arriverà mai. Perché troppe volte si è pensato che il crepuscolo fosse dietro l’angolo eppure ha cercato e trovato nuove occasioni per essere il numero uno. A suon di vittorie: come se l’anagrafe per lui non contasse. Come se l’impossibile per lui non esistesse. Perfezionando un tennis che solo in apparenza evidentemente era già perfetto.

excellence magazine federerMa del numero uno al mondo non esalta e non galvanizza solo il suo tennis elegante e raffinato, spettacolare e poetico: piace il suo essere così normale nella grandezza infinita, padre, marito e figlio al tempo stesso. Sembra uno di noi. Mai una polemica, mai un gesto fuori luogo, mai sopra le righe. Per questo il pubblico lo adora e gli avversari lo stimano. Per questo ci si commuove ogni volta, come se fosse la prima volta, vince con naturalezza e facilità e la sua gioia è la gioia di tutti.

Federer evidentemente è nato con il DNA del campione, ma campione lo è poi diventato nell’accezione più nobile del termine attraverso il culto del lavoro e del sacrificio esaltando il talento con l’allenamento, circodandosi delle persone giuste al momento giusto ma soprattutto sempre col piacere di fare quel che fa. Ecco perché la sua favola, diventata mito e calata nell’eternità, è ancora così giovane e attuale. Ecco perché ci ha riempito gli occhi e il cuore. Ed i ricordi non saranno mai ingialliti dal tempo!

sponsored
sponsored

Related Posts

SUSTAINABLE THINKING: la mostra sulla moda sostenibile di Salvatore Ferragamo

Era il 1960 quando Salvatore Ferragamo venne a mancare, ma riuscì a coronare il suo grande sogno: disegnare e produrre le scarpe più belle del mondo. Non fu un caso se venne chiamato il “calzolaio delle star” nella moda: Audrey Hepburn, Rita Hayworth, Ingrid Bergman, Marilyn Monroe, Lana Turner, Nicole Kidman, Madonna sono solo alcune delle celebrity che indossarono le calzature dello stilista di origini irpine

Al via il 22 febbraio il primo appuntamento dell’evento itinerante CAMPZEROINTOUR

E’ tutto pronto per il primo appuntamento dell’evento itinerante CAMPZEROINTOUR alla Baita Novez per degustare un eccellente menu preparato da chef stellati in alta quota da abbinare a fantastiche discese sulle piste più belle del comprensorio. Un evento esclusivo per Champoluc e il Monterosa Ski che coinvolgerà gli appassionati di sci e della cucina gourmet in un format che si ripete in 4 tappe food&drink da non perdere.

Marc Jacobs chiude la NYFW con Christy Turlington Burns in passerella

Her sensual woman shows her appeal by shouting obsession with oversized proportions and crinoline layers, as well as for her soaring silhouettes, thanks to the use of headgear that bear the signature of Stephen Jones. All this is pervaded by an iconography inspired by a Victorian style wardrobe