Cindy Crawford: la dea della bellezza

Category:

A prima vista potrebbe apparire come una bellezza mediterranea: occhi scuri da cerbiatta e una chioma fluente castana oltre ad una naturale sensualità non comune a tutte le sue colleghe. Invece è un’americana 100%, stiamo parlando della dea della bellezza, Cindy Crawford la super top model icona degli anni ‘90 e non solo.

Osannata e venerata dal fashion system Cindy Crawford oggi non ha niente da rimpiangere del suo passato, shooting e catwalk sono ancora il suo presente nonostante i suoi 52 anni. È straordinaria come allora, forse anche di più, consapevole della propria avvenenza, del corpo statuario e del suo fascino.

Alcuni anni fa la Pepsi ha voluto sfidare la sua bellezza e durante un recente Super Bowl ha mostrato la versione 2.0 del suo iconico spot del 1992, che mostrava una Cindy Crawford di stratosferica bellezza, nel fiore dei suoi 25 anni, in shorts e canotta bianca, usciva da una Lamborghini per bere, assetata e appassionatamente, una lattina di Pepsi. Lo spot viene ripetuto 27 anni dopo, Cindy Crawford è ancora bellissima mentre agita la sua leggendaria chioma e risveglia in tutti un sensuale desiderio di bere oltre al piacere di rivederla sempre magnifica. La verità è che lo charme innato e naturale non teme l’età e si può tramandare, come lei ha fatto con i suoi bellissimi figli Kaia e Presley già corteggiati da stilisti e fotografi, avuti dal marito Rande Gerber, da 20 anni al suo fianco.

Sexy con il suo fisico slanciato, Cindy è il sogno di più generazioni, da quando per caso venne scoperta mentre passeggiava a Chicago e pensava di essere carina ma niente di più, schernita dalla sorella per quel neo al lato della bocca, troppo evidente. Poi sono arrivate le copertine patinate, le sfilate, i contratti milionari. È l’epoca in cui gli stilisti, primi tra tutti gli italiani, celebravano le modelle delle loro sfilate e campagne pubblicitarie trasformandole in super top model, vere e proprie celebrities, miti a livello globale. Gianni Versace l’adorava e lei, ancora oggi, dichiara che sono proprio le collezioni Versace quelle che preferisce.

A parte il momento in cui ha scatenato la cronaca rosa dei giornali di tutto il mondo per il suo fugace matrimonio con Richard Gere che sembrava aver unito una coppia di dei dell’Olimpo, Cindy Crawford non ha mai dato adito a scandali o notizie intriganti per il mondo del gossip. Nella sua casa californiana di Los Angeles, a Malibu, le sue terrazze hanno una vista mozzafiato sull’oceano lì ha scelto uno stile di vita semplice, a contatto con la natura, sano e sportivo, molto dedicato ai figli e a qualche serata mondana, spesso di charity, non è un caso se è stata scelta per pubblicizzare la purezza di un’acqua minerale italiana, ma alla domanda: “qual è il suo cibo preferito?” risponde senza alcun dubbio: “cioccolata e caviale”!

sponsored
sponsored

Related Posts

SUSTAINABLE THINKING: la mostra sulla moda sostenibile di Salvatore Ferragamo

Era il 1960 quando Salvatore Ferragamo venne a mancare, ma riuscì a coronare il suo grande sogno: disegnare e produrre le scarpe più belle del mondo. Non fu un caso se venne chiamato il “calzolaio delle star” nella moda: Audrey Hepburn, Rita Hayworth, Ingrid Bergman, Marilyn Monroe, Lana Turner, Nicole Kidman, Madonna sono solo alcune delle celebrity che indossarono le calzature dello stilista di origini irpine

Al via il 22 febbraio il primo appuntamento dell’evento itinerante CAMPZEROINTOUR

E’ tutto pronto per il primo appuntamento dell’evento itinerante CAMPZEROINTOUR alla Baita Novez per degustare un eccellente menu preparato da chef stellati in alta quota da abbinare a fantastiche discese sulle piste più belle del comprensorio. Un evento esclusivo per Champoluc e il Monterosa Ski che coinvolgerà gli appassionati di sci e della cucina gourmet in un format che si ripete in 4 tappe food&drink da non perdere.

Marc Jacobs chiude la NYFW con Christy Turlington Burns in passerella

Her sensual woman shows her appeal by shouting obsession with oversized proportions and crinoline layers, as well as for her soaring silhouettes, thanks to the use of headgear that bear the signature of Stephen Jones. All this is pervaded by an iconography inspired by a Victorian style wardrobe