Serena Luxury Mosaic: l’esclusività italiana del vetro soffiato

Category:

La famiglia Serena ha una storia antichissima, siamo infatti nel 1517 quando presenta istanza alla Repubblica di Venezia per aprire una fornace con l’insegna “alla Sirena” che darà presto il nome alla famiglia di maestri vetrai, tra le prime tre famiglie di Murano a rendere famosa nel mondo la piccola isola veneziana anche grazie all’invenzione di una particolare tecnica di lavorazione del vetro, “la filigrana” che è tra le più affascinanti creazioni muranesi del Rinascimento. Nella prima metà dell’800 un esponente della famiglia Serena disegna il maestoso lampadario ancora oggi appeso al centro del salone nobile del palazzo sede del Museo del Vetro a Murano. In seguito grazie all’abilità di Giovanni Serena maestro nel lavoro dei vetri filigranati e merlati, viene creata una prestigiosa collezione di duemila bicchieri per il matrimonio della regina Vittoria d’Inghilterra. Tradizione e innovazione, continua ricerca e maestria assoluta hanno accompagnato attraverso i secoli la famiglia Serena che agli inizi del ‘900 si trasferisce in terraferma a Spilimbergo, patria di mosaicisti che già dal XVI secolo sono impegnati nella basilica di San Marco e nei palazzi veneziani.

Vetro soffiato e mosaico artistico, elementi che oggi costituiscono la “materia” su cui si poggia Serena Luxury Mosaic nuovo rappresentante dell’arte e dell’artigianato di lusso made in Italy nel mondo del vetro artistico.

Michelangelo Serena, nato nel 1987, dopo gli studi in architettura riscopre il potenziale della tradizione dei suoi antenati. Un legame tra antiche tradizioni e abili tecniche artigiane, che ha completamente affascinato Michelangelo, che ha individuato una nuova dimensione espressiva unendo, per la prima volta nella storia, il vetro soffiato di Murano e il mosaico artistico. Ogni prodotto nasce dalla sensibilità artistica del fondatore, che disegna a mano i pezzi e ne segue la realizzazione in una delle più antiche vetrerie di Murano. Gli oggetti sono poi completati nel laboratorio di Spilimbergo, dove Michelangelo applica il mosaico con la collaborazione di talentuosi mosaicisti.

La peculiarità del processo di lavorazione e la natura intrinseca dei materiali, assicurano che forma e colore del vetro soffiato, insieme alle sfumature e alle disposizioni delle magiche tessere del mosaico, diano vita a pezzi d’arte unici. “Il mio progetto parte da tradizioni antiche e si avvale, per la sua realizzazione, dell’innovazione tecnologica che mi consente di dare al mosaico una dimensione di nuova leggerezza, grazie al particolare modo di fissare le tessere sul vetro con collanti trasparenti” afferma Michelangelo Serena.

Diverse le linee creative, che giocano sull’eleganza e la preziosità dei materiali, sull’originalità delle forme e la fruibilità degli oggetti. Design Collection: una linea contemporanea, frutto di tante sperimentazioni per arrivare ad avere la trasparenza del mosaico sul vetro e la massima armonia di forme e colori. Art Collection: design più classico, con icone d’arte del passato reinterpretate dalle sapienti tecniche di Serena Luxury Mosaic, come il vaso più famoso della storia di Murano, “Il Veronese”, rivestito da oltre un migliaio di tessere. Tableware Collection: proposte per arredare la tavola, con oggetti personalizzati secondo le esigenze dei clienti. Opere d’arte “funzionali” che possono entrare in contatto con gli alimenti. Light Collection: dal desiderio di esaltare ancor di più il vetro soffiato e l’oro mosaico attraverso la luce, ha preso vita questa collezione, con strutture in acciaio inossidabile dorato a 24 carati.

In questo progetto entrano in gioco diverse componenti creative e l’unione di due mondi così importanti come il vetro soffiato e il mosaico, eleva a potenza il risultato. Le lampade, sculture d’arte colorate di giorno, prendono vita quando si accende la luce e la rifrazione luminosa accende ed esalta i colori. “Portare avanti un progetto familiare, trattenerne le radici ideative e sviluppare una creatività contemporanea è il mio impegno e la mia passione” sottolinea Michelangelo Serenail risultato è sempre un’opera d’arte in cui tutti i dettagli sono evidenziati dal desiderio di valorizzare due delle arti italiane più esclusive e antiche”.

sponsored
sponsored

Related Posts

MFW, il testimone passa a Milano

Dopo New York e Londra, Milano riceve il testimone proponendo una Fashion Week particolarmente equilibrata fra grandi nomi e nuovi talenti. Il merito va alla Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI), che questa estate ha riunito attorno a un tavolo le principali case di moda milanesi per organizzare il calendario in profondità

Laura Gonzales, intervista alla designer dell’anno per Maison et Objet

Continua il successo di Laura Gonzales, Architetto e interior designer, premiata come designer dell’anno a Maison et Objet 2019

Pininfarina firma il nuovo grattacielo a San Paolo del Brasile

L’Heritage, ne è uno splendido esempio. Il nuovo progetto del costruttore brasiliano Cyrela firmato da Pininfarina nell’elegante quartiere di Itaim Bibi, noto anche come il circuito di Manhattan: una torre avveniristica di 32 piani con un (solo) appartamento per piano, con metrature che vanno da 570 a 700 metri quadri