Best Urban Hotel 2018: i 4 finalisti del Medio Oriente

Category:

La lista dei Best Urban Hotel 2018 è stata annunciata la scorsa settimana con 4 finalisti in Medio Oriente. I vincitori saranno annunciati solo nel mese di dicembre 2018, ma vogliamo presentarvi gli hotel che figurano nella lista dei candidati in Medio Oriente.

Hotel Room Mate Emir – Istanbul, Turchia

L’Hotel Room Mate Emir è uno spazio inondato di luce con una eleganza contemporanea, cool, ma con un design romantico.

room-mate-emir-1

Progettato da Lázaro Rosa Violán, la ristrutturazione totale di questa proprietà d’epoca onora il passato cosmopolita di Istanbul, ne conserva i soffitti dipinti, i pavimenti in parquet e i mattoni a vista, aggiungendo però un mix di decori di metà secolo, con specchi posizionati strategicamente, e arredi ultra contemporanei esaltati dalla lavorazione artigianale del legno.

room-mate-emir-4

Hotel Vera – Tel Aviv, Israele

Un altro hotel di classe il Vera Hotel. È il primo hotel di Danny Tamari, un talento che si è affermato lavorando per artisti del calibro di Rocco Forte Hotels e Morgan’s Hotel Group, e il Vera Hotel  è in qualche modo la sua lettera d’amore alla città.

the-vera-tel-aviv-1-2

Il suo design, supervisionato da Yaron Tal Studio, presenta nella hall-bar un arredamento che invita al relax, e spinge gli ospiti a soffermarsi. Pareti grezze e non intonacate e un cemento levigato fanno cenno all’anima storica dell’edificio, che – come tanti altri in città – è un progetto che deriva da una ristrutturazione.

the-vera-tel-aviv-3

Bulgari- Dubai

La proprietà di 13 ettari è ancorata al 101-room hotel, un edificio basso che separa due baie: una con un ampio tratto di spiaggia di sabbia bianca fiancheggiata da 20 ville e l’altro, con una bellissima marina, circondato di residenze private e dal Bulgari Yacht Club.

bulgari-dubai-7

L’architettura sobriamente bassa della struttura è opera dello studio milanese Antonio Citterio Patricia Viel, la cui facciata in marmo bianco di Carrara è definita da tre piani di strati orizzontali da cui filtra la luce del sole sottolineando sottilmente i dettagli che ricordano la tradizionale architettura mediorientale.

bulgari-dubai-3

All’interno – è possibile trovare un vero e proprio catalogo italiano di arredi da B & B Italia a Felxform, Flos e Maxalto – il livello del lusso è amplificato da onice verde iraniano, granito nero Shanxi dalla Mongolia e pesanti tappeti di lana naturale fatti a mano in Marocco.

Hotel Mondrian – Doha, Qatar

Dall’esterno – specialmente di notte – l’ultima proprietà del gruppo a Doha assomiglia a qualcosa di sognato da Hayao Miyazaki e questo stile allucinogeno continua all’interno.

mondrian-doha-1

La proprietà composta da 270 suite, include sette ristoranti interni, tra cui una birreria artigianale un locale che offre incredibili hamburger, la taverna Hudson, il ristorante giapponese Morimoto e il più intrigante Walima, che promette degustazioni della cucina del Qatar.

mondrian-doha-4

Le camere presentano arabeschi decorativi e rielaborazioni sorprendenti delle miniature persiane che emanano una spiccata atmosfera di Scheherazade. Tutto il lavoro è opera di Marcel Wanders, il designer più creativo d’Olanda che ha collaborato con i consulenti locali South West Architecture.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

SUSTAINABLE THINKING: la mostra sulla moda sostenibile di Salvatore Ferragamo

Era il 1960 quando Salvatore Ferragamo venne a mancare, ma riuscì a coronare il suo grande sogno: disegnare e produrre le scarpe più belle del mondo. Non fu un caso se venne chiamato il “calzolaio delle star” nella moda: Audrey Hepburn, Rita Hayworth, Ingrid Bergman, Marilyn Monroe, Lana Turner, Nicole Kidman, Madonna sono solo alcune delle celebrity che indossarono le calzature dello stilista di origini irpine

Al via il 22 febbraio il primo appuntamento dell’evento itinerante CAMPZEROINTOUR

E’ tutto pronto per il primo appuntamento dell’evento itinerante CAMPZEROINTOUR alla Baita Novez per degustare un eccellente menu preparato da chef stellati in alta quota da abbinare a fantastiche discese sulle piste più belle del comprensorio. Un evento esclusivo per Champoluc e il Monterosa Ski che coinvolgerà gli appassionati di sci e della cucina gourmet in un format che si ripete in 4 tappe food&drink da non perdere.

Marc Jacobs chiude la NYFW con Christy Turlington Burns in passerella

Her sensual woman shows her appeal by shouting obsession with oversized proportions and crinoline layers, as well as for her soaring silhouettes, thanks to the use of headgear that bear the signature of Stephen Jones. All this is pervaded by an iconography inspired by a Victorian style wardrobe