Best Urban Hotel 2018: i 4 finalisti del Medio Oriente

Category:

La lista dei Best Urban Hotel 2018 è stata annunciata la scorsa settimana con 4 finalisti in Medio Oriente. I vincitori saranno annunciati solo nel mese di dicembre 2018, ma vogliamo presentarvi gli hotel che figurano nella lista dei candidati in Medio Oriente.

Hotel Room Mate Emir – Istanbul, Turchia

L’Hotel Room Mate Emir è uno spazio inondato di luce con una eleganza contemporanea, cool, ma con un design romantico.

room-mate-emir-1

Progettato da Lázaro Rosa Violán, la ristrutturazione totale di questa proprietà d’epoca onora il passato cosmopolita di Istanbul, ne conserva i soffitti dipinti, i pavimenti in parquet e i mattoni a vista, aggiungendo però un mix di decori di metà secolo, con specchi posizionati strategicamente, e arredi ultra contemporanei esaltati dalla lavorazione artigianale del legno.

room-mate-emir-4

Hotel Vera – Tel Aviv, Israele

Un altro hotel di classe il Vera Hotel. È il primo hotel di Danny Tamari, un talento che si è affermato lavorando per artisti del calibro di Rocco Forte Hotels e Morgan’s Hotel Group, e il Vera Hotel  è in qualche modo la sua lettera d’amore alla città.

the-vera-tel-aviv-1-2

Il suo design, supervisionato da Yaron Tal Studio, presenta nella hall-bar un arredamento che invita al relax, e spinge gli ospiti a soffermarsi. Pareti grezze e non intonacate e un cemento levigato fanno cenno all’anima storica dell’edificio, che – come tanti altri in città – è un progetto che deriva da una ristrutturazione.

the-vera-tel-aviv-3

Bulgari- Dubai

La proprietà di 13 ettari è ancorata al 101-room hotel, un edificio basso che separa due baie: una con un ampio tratto di spiaggia di sabbia bianca fiancheggiata da 20 ville e l’altro, con una bellissima marina, circondato di residenze private e dal Bulgari Yacht Club.

bulgari-dubai-7

L’architettura sobriamente bassa della struttura è opera dello studio milanese Antonio Citterio Patricia Viel, la cui facciata in marmo bianco di Carrara è definita da tre piani di strati orizzontali da cui filtra la luce del sole sottolineando sottilmente i dettagli che ricordano la tradizionale architettura mediorientale.

bulgari-dubai-3

All’interno – è possibile trovare un vero e proprio catalogo italiano di arredi da B & B Italia a Felxform, Flos e Maxalto – il livello del lusso è amplificato da onice verde iraniano, granito nero Shanxi dalla Mongolia e pesanti tappeti di lana naturale fatti a mano in Marocco.

Hotel Mondrian – Doha, Qatar

Dall’esterno – specialmente di notte – l’ultima proprietà del gruppo a Doha assomiglia a qualcosa di sognato da Hayao Miyazaki e questo stile allucinogeno continua all’interno.

mondrian-doha-1

La proprietà composta da 270 suite, include sette ristoranti interni, tra cui una birreria artigianale un locale che offre incredibili hamburger, la taverna Hudson, il ristorante giapponese Morimoto e il più intrigante Walima, che promette degustazioni della cucina del Qatar.

mondrian-doha-4

Le camere presentano arabeschi decorativi e rielaborazioni sorprendenti delle miniature persiane che emanano una spiccata atmosfera di Scheherazade. Tutto il lavoro è opera di Marcel Wanders, il designer più creativo d’Olanda che ha collaborato con i consulenti locali South West Architecture.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Nel cuore di Parigi apre il nuovo showroom di Birkenstock

Lo showroom è concepito come una vetrina del brand, inventore della soletta, e nasce per celebrane la qualità e lo spirito innovatore. Nick Vinson di Vinson & Co ha curato il design d’interni, dopo aver girato il Vecchio Continente alla ricerca di arredi, decorazioni e mobili vintage e nuovi, in una palette di legno caldo e pelle invecchiata

“Nespolo fuori dal coro” a Milano, Palazzo Reale

Articolata come un viaggio, la grande mostra dedicata a Ugo Nespolo in programma dal 6 luglio al 15 settembre ad ingresso gratuito nell’Appartamento dei Principi di Palazzo Reale, racconta il percorso di un artista che nelle sue multiformi evoluzioni ha segnato tappe rilevanti nella storia dell’arte italiana

Alex Israel per Louis Vuitton: cenni pop e colori vibranti per una collezione di tessili

Il percorso di Louis Vuitton è stato sempre tracciato da incursioni artistiche: un lungo elenco di autorevoli nomi del panorama contemporaneo del calibro di Sol LeWitt, Yayoi Kusama, James Rosenquist, Andrée Putman, al quale ora si aggiunge Alex Israel