David Chipperfield firma il restauro del leggendario Hotel Café Royal di Londra

Category:

Una firma di fama mondiale e un team d’eccezione hanno trasformato il leggendario edificio di Regent Street in un hotel di lusso con interni che esaltano la storia al design contemporaneo.

L’Hotel Café Royal, nel cuore di Londra, venne fondato nel 1865 dal mercante di vini francese Daniel Nicolas Tevenion e nei  suoi 150 anni di storia ha ospitato personaggi eccellenti: Oscar Wilde, Virginia Woolf, Winston Churchill, Brigitte Bardot, Mick Jagger, Elizabeth Taylor, Muhammad Ali, David Bowie, solo per citare alcuni dei clienti abituali, che in tempi diversi hanno reso celebre il Café Royal.

Il nuovo Hotel Café Royal è stato progettato da David Chipperfield Architects e i tre edifici storici sono stati restaurati e trasformati in un hotel di lusso con 160 camere e suite, con ristoranti, bar, un club privé, sale per banchetti, una sala riunioni e un complesso termale con una piscina di 18 metri.

Lo studio di architettura ha collaborato con i restauratori Donald Insall Associates e insieme sono riusciti ad integrare negli interni storici, nuovi materiali senza compromettere l’integrità della struttura.

Per il design del piano inferiore dell’hotel, è stato usato il marmo di Siena, ricostruendo esattamente l’originale lobby del Café Royal.

Per le camere sono stati scelti decori in piacevoli colori naturali e materiali puri come il marmo di Carrara, il legno naturale, il vetro, la pelle. Nelle suite, lo stile tradizionale è abbinato a mobili moderni.

Nonostante l’altissimo livello degli interventi che hanno trasformato l’antica dimora in un Luxury Hotel, non c’è sfarzo, gli interni sono stati progettati con rigore scegliendo materiali pregiati. Una scelta di essere anziché di apparire, che trasferisce cura, attenzione e stile.

Fotografia: Simon Menges e David Grandorge.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Steve McCurry: Animals in mostra al nuovo spazio espositivo Mudec Photo

Il Museo delle Culture ha inaugurato il nuovo spazio espositivo Mudec Photo, dedicato alla fotografia d’autore, con la mostra Animals di Steve McCurry. Un progetto espositivo curato da Biba Giacchetti che ci presenta sessanta immagini da osservare in modo libero, senza dover seguire un percorso preciso, scattate in tutto l’arco della lunga carriera del fotografo americano

IT BAGS: Chloè C Bag introduce il nuovo logo C in metallo dorato

Catenaccio: L’allure romantica e il design elegante di Chloé incontrano il mood urbano nella nuova Chloé C Bag con logo in metallo oro che ricorda un audace gioiello. L’addio alla direzione creativa, si sa, genera sempre un sentimento di nostalgia per il passato e curiosità per chi prenderà le redini di una storica casa di moda che conserva heritage e forte identità

Una vita da scienziata: gli scatti di Gerald Bruneau insieme a Fondazione Bracco, per il progetto #100esperte

Fondazione Bracco ha realizzato una mostra fotografica, inaugurata lo scorso 16 gennaio, per presentare volti e competenze di alcune delle scienziate del progetto #100esperte, nato per valorizzare l’expertise femminile in settori percepiti ancora come dominio maschile. La mostra, con gli scatti del celebre fotografo Gerald Bruneau, è incentrata sulle STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) e sarà aperta fino al 30 giugno 2019 a Milano presso il CDI - Centro Diagnostico Italiano di Via Saint Bon 20 a Milano.