Product Design Award, The Italian Way a Dubai

Category:

Per celebrare l’essenza senza tempo del design italiano, con i nascenti e affermati designer degli Emirati Arabi Uniti, Peroni Nastro Azzuro ha organizzato la seconda edizione del Product Design Award.

Il concorso ha attratto le menti più creative della regione per mostrare come si possano fondere i valori artistici dei giovani designer degli Emirati Arabi Uniti, con la cultura italiana.

Ai partecipanti alla competizione è stato affidato il compito di presentare un oggetto per esterno, senza limiti dimensionali, particolarmente ispirato all’artigianato tradizionale e allo stile italiano.

Peroni Nastro Azzuro ha firmato l’evento, avvalendosi della collaborazione di SUPERFUTUREDESIGN * e Alias.
Il concorso ha ricevuto un numero significativo di contributi da tutta la regione.
Dai concetti modulari agli strumenti quotidiani, i partecipanti hanno esposto pezzi creativi che riflettono “The Italian Way” una stile da sempre contraddistinto da un mix di convivialità e leggendaria ospitalità.

Nastro Azzurro

I migliori cinque progetti sono stati giudicati dalla giuria internazionale di rinomati esperti di design tra cui Roberto Palomba di Palomba Serafini Associati, Andrea Sanguineti di Alias, Giulia Fiumi di Peroni Nastro Azzurro, Andrea Sensoli di SUPERFUTUREDESIGN *, Matteo Bernocchi di H & H Investment Group, Alessandra Misuri Professore di Interior Design presso l’Università di Abu Dhabi, Fadi Sarieddine di Fadi Sarieddine Studio e Maja Kozel di Maja Kozel Design.

L’evento di premiazione si è tenuto durante la Dubai Design Week, il 14 novembre presso Molecule nel Dubai Design District e hanno partecipato personaggi noti a livello internazionale, designer creativi ed esperti della regione.
Per evidenziare l’attenzione innovativa e creativa nella regione, l’evento ha avuto anche come finalità quella di mettere in rete i progettisti degli Emirati Arabi Uniti. L’organizzatore, Peroni Nastro Azzurro da sempre legato al design, con collaborazioni anche nel settore della moda con Vogue Italia e Antonio Berardi, e al product design con Alessi, ha contribuito in modo significativo al lancio della seconda edizione di questo premio.

Il gallerista di design Neel Shukla della Four Seasons Ramesh Gallery ha consegnato ai vincitori ai trofei progettati da SUPERFUTUREDESIGN *.

The Italian Majlis by Joud Malhas

Nastro Azzurro

Joud collaborerà con Alias, uno dei nomi più importanti del design italiano, per realizzare un prototipo del suo progetto e potrà collaborare per un anno con Peroni.

Nastro Azzurro

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

SUSTAINABLE THINKING: la mostra sulla moda sostenibile di Salvatore Ferragamo

Era il 1960 quando Salvatore Ferragamo venne a mancare, ma riuscì a coronare il suo grande sogno: disegnare e produrre le scarpe più belle del mondo. Non fu un caso se venne chiamato il “calzolaio delle star” nella moda: Audrey Hepburn, Rita Hayworth, Ingrid Bergman, Marilyn Monroe, Lana Turner, Nicole Kidman, Madonna sono solo alcune delle celebrity che indossarono le calzature dello stilista di origini irpine

Al via il 22 febbraio il primo appuntamento dell’evento itinerante CAMPZEROINTOUR

E’ tutto pronto per il primo appuntamento dell’evento itinerante CAMPZEROINTOUR alla Baita Novez per degustare un eccellente menu preparato da chef stellati in alta quota da abbinare a fantastiche discese sulle piste più belle del comprensorio. Un evento esclusivo per Champoluc e il Monterosa Ski che coinvolgerà gli appassionati di sci e della cucina gourmet in un format che si ripete in 4 tappe food&drink da non perdere.

Marc Jacobs chiude la NYFW con Christy Turlington Burns in passerella

Her sensual woman shows her appeal by shouting obsession with oversized proportions and crinoline layers, as well as for her soaring silhouettes, thanks to the use of headgear that bear the signature of Stephen Jones. All this is pervaded by an iconography inspired by a Victorian style wardrobe