Auto d’epoca con un segreto high-tech

Category:

Mentre la maggior parte degli appassionati di auto d’epoca cercano di riportare i veicoli al loro antico splendore, Jonathan Ward premia e conserva la bellezza nel loro decadimento, nascondendo alcuni segreti high-tech sotto il cofano.

Ward è il fondatore di ICON, una società con sede in California che reinventa SUV classici come Toyota FJ e Ford Broncos con tecnologia e materiali moderni.

È un progetto che Ward ha denominato “Derelict”.

“L’idea nasce dalla volontà di catturare la bellezza che un’auto può acquisire solo attraverso il tempo vissuto, con il decadimento naturale dei colori della carrozzeria, con le ammaccature che raccontano una storia. Il nostro lavoro di ripristino delle autovetture punta a mantenere questo “involucro di storia”, rimodernando completamente l’esperienza di guida.

icon derelict 46 lincoln

Ogni commissione è completamente unica, una volta compreso cosa desidera il cliente, inizia il processo di ricerca di questi modelli molto specifici.

Questo processo richiede molto tempo e ci sono persino stati casi in cui la ricerca doveva essere abbandonata.

Per ottenere i risultati che Ward desidera in modo così meticoloso, i suoi tecnici e ingegneri devono impiegare processi piuttosto unici. Nell’officina si trova di tutto, dai macchinari aerospaziali utilizzati nei primi anni del 1900 per i militari, fino alla più recente tecnologia laser.

icon br derelict dirty trn at speed

 

Il risultato è che sembra di trovarsi in un fienile pieno di cose che non servono, ma a un esame più attento ogni elemento è stato accuratamente progettato e selezionato per raggiungere sia un obiettivo estetico che una esperienza di guida moderna e completa.

Immaginate un arrugginito camioncino Thriftmaster d’epoca che si guida veloce come un’auto sportiva.

Vintage Car

È un concetto piuttosto diffuso nell’industria automobilistica di lusso.

“Un sacco di persone guardano i progetti Derelict e spesso si chiedono perché mai qualcuno dovrebbe spendere tutto quel tempo e denaro per avere qualcosa che sembra vecchia e decrepita. Non tutto lo capiscono il progetto è davvero riservato a poche amatori”

 

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Steve McCurry: Animals in mostra al nuovo spazio espositivo Mudec Photo

Il Museo delle Culture ha inaugurato il nuovo spazio espositivo Mudec Photo, dedicato alla fotografia d’autore, con la mostra Animals di Steve McCurry. Un progetto espositivo curato da Biba Giacchetti che ci presenta sessanta immagini da osservare in modo libero, senza dover seguire un percorso preciso, scattate in tutto l’arco della lunga carriera del fotografo americano

IT BAGS: Chloè C Bag introduce il nuovo logo C in metallo dorato

Catenaccio: L’allure romantica e il design elegante di Chloé incontrano il mood urbano nella nuova Chloé C Bag con logo in metallo oro che ricorda un audace gioiello. L’addio alla direzione creativa, si sa, genera sempre un sentimento di nostalgia per il passato e curiosità per chi prenderà le redini di una storica casa di moda che conserva heritage e forte identità

Una vita da scienziata: gli scatti di Gerald Bruneau insieme a Fondazione Bracco, per il progetto #100esperte

Fondazione Bracco ha realizzato una mostra fotografica, inaugurata lo scorso 16 gennaio, per presentare volti e competenze di alcune delle scienziate del progetto #100esperte, nato per valorizzare l’expertise femminile in settori percepiti ancora come dominio maschile. La mostra, con gli scatti del celebre fotografo Gerald Bruneau, è incentrata sulle STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) e sarà aperta fino al 30 giugno 2019 a Milano presso il CDI - Centro Diagnostico Italiano di Via Saint Bon 20 a Milano.