Valentino TKY Pre Fall 2019

Category:

Riflettori puntati su Tokyo con Valentino TKY: un evento con due momenti clou, la sfilata Pre Fall 2019 – la prima con uomo e donna insieme in pedana – e l’installazione esclusiva nello store di Ginza Six, realizzata da Pierpaolo Piccioli insieme a Sarah Andelman.

Un dialogo tra perfezione e imperfezione, permanenza e caducità, con un’impostazione very Valentino filtrata dal dialogo con la cultura giapponese

così Pierpaolo Piccioli racconta la collezione Pre Fall 2019, che ha portato sotto i riflettori 70 look femminili e 20 maschili, con un trionfo di plissettature, pizzi e ruche, fiocchi, ampi volumi e arricciature, all’insegna di uno spirito fortemente couture in cui si insinuava una vena street.

Pierpaolo Piccioli Valentino
Pierpaolo Piccioli

Il colore rosso pieno e intenso che caratterizza da sempre la maison si è associato al nero assoluto, al blu scuro, al rosa e al bianco lasciando anche uno spazio a motivi floreali e alle geometrie soprattutto nel caso degli outfit maschili con motivi ispirati ai graffiti o all’arte di Jackson Pollock.

Valentino Pre Fall
Valentino Pre Fall TKY

Il direttore creativo Pierpaolo Piccioli ha dato una impronta fortemente esperienziale allo spazio utilizzato per la sfilata e, per farlo, si è fatto affiancare da Sarah Andelman, già direttore artistico dell’iconica boutique Colette di Parigi e ora impegnata nel progetto Just An Idea, piattaforma che riunisce talenti di varie discipline.

Basandosi sul concetto di Wakon Yosai, ossia l’unione tra spirito giapponese e sapere occidentale, Piccioli e Andelman hanno dato vita a un Koubou, «una Bottega dove sperimentare la qualità di forme e materiali da due diversi punti di vista, italiano e nipponico, riaprendo un’immaginaria via della seta e pensando a un ‘estremo oriente’ che si trasforma in ‘estremo occidente’».La collezione capsule Valentino è partita dai Manga, trasformando gli animali che ricorrono nelle creazioni della griffe – la tigre, il dragone, la pantera, il serpente – in personaggi animati.

Valentino TKY
Valentino TKY

Accanto alla moda l’arte, con i Fusuma-shi, pannelli scorrevoli di Yuki Murabayashi, la rivisitazione dei Kazar Kanzashi (fermagli ornamentali per le acconciature femminili) di Takayuki Miura, le maschere Noh di Ichiyu Terai e i virtuosismi di Urushi Hakose utilizzando la tecnica della lacca Urushi.

 

E ancora, le creazioni artigianali di Tomizo Saratani con fattezze di insetti e piante, l’attualizzazione degli antichi Origami Muromachi a cura di Satoshi Kamiya Kyohei Katsuta, le piccole statue di Tetsuya Noguchi raffiguranti i samurai e le fotografie di Izumu Miyazaki dedicate alla vita quotidiana in Giappone.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

SUSTAINABLE THINKING: la mostra sulla moda sostenibile di Salvatore Ferragamo

Era il 1960 quando Salvatore Ferragamo venne a mancare, ma riuscì a coronare il suo grande sogno: disegnare e produrre le scarpe più belle del mondo. Non fu un caso se venne chiamato il “calzolaio delle star” nella moda: Audrey Hepburn, Rita Hayworth, Ingrid Bergman, Marilyn Monroe, Lana Turner, Nicole Kidman, Madonna sono solo alcune delle celebrity che indossarono le calzature dello stilista di origini irpine

Al via il 22 febbraio il primo appuntamento dell’evento itinerante CAMPZEROINTOUR

E’ tutto pronto per il primo appuntamento dell’evento itinerante CAMPZEROINTOUR alla Baita Novez per degustare un eccellente menu preparato da chef stellati in alta quota da abbinare a fantastiche discese sulle piste più belle del comprensorio. Un evento esclusivo per Champoluc e il Monterosa Ski che coinvolgerà gli appassionati di sci e della cucina gourmet in un format che si ripete in 4 tappe food&drink da non perdere.

Marc Jacobs chiude la NYFW con Christy Turlington Burns in passerella

Her sensual woman shows her appeal by shouting obsession with oversized proportions and crinoline layers, as well as for her soaring silhouettes, thanks to the use of headgear that bear the signature of Stephen Jones. All this is pervaded by an iconography inspired by a Victorian style wardrobe