Dalla passione alla creazione di un digital brand di successo

Category:

Michela Stanzione, 31 anni, per tutti “La Coach delle Unghie”: un’autodidatta del mondo digitale con una passione per la bellezza in tutte le sue forme, un’influencer capace di conquistare migliaia di fan sul social network del momento, Instagram (la trovate @lacoachdelleunghie), condividendo la quotidianità del suo lavoro e trasformando una semplice professione in un brand digitale di successo.

Michela, raccontaci della tua passione per il mondo delle unghie: come è nato questo interesse?

Fin da piccola sognavo di diventare estetista; sono sempre stata ambiziosa e un po’ sopra le righe, pronta a mettermi costantemente alla prova e a competere solo con me stessa.

Nel 2009, quando è iniziata la mia carriera, ho capito di voler portare una ventata di freschezza, qualcosa di nuovo e di innovativo che entusiasmasse non solo me ma anche le mie clienti: la mia passione nasce proprio dall’esigenza di emozionare, di trasmettere sensazioni, non solo attraverso la mia tecnica ma anche grazie alla mia personalità.

Così, dopo varie sperimentazioni, ho creato quello che è diventato il mio “marchio di fabbrica”, l’effetto nessun effetto: un effetto “unghia naturale” realizzato in gel, super personalizzato, che enfatizza le caratteristiche naturali della mano della cliente.

Come sei riuscita a trasformare la tua passione e la tua professionalità in un’identità digitale, diventando una nail-influencer con decine di migliaia di follower?

Circa un anno fa ho iniziato a condividere la mia passione sui social network, in particolare Instagram e YouTube, con un approccio istintivo e genuino, ma senza mai smettere di studiare e di tenermi aggiornata su tutto ciò che riguarda la comunicazione e i social media.

Credo nella comunicazione di impatto, senza troppi “trucchetti”: caption, immagini, tag, keyword e tempi di pubblicazione sono fondamentali, ma il segreto è costruire un profilo identitario molto riconoscibile, proprio come le unghie che realizzo.

Mi pongo a metà strada tra l’intrattenimento e l’informazione; mi diverte l’idea di spingere il mio pubblico a confrontarsi, mi sono sempre sentita una formatrice.

E’ per questo che hai scelto di chiamarti “coach delle unghie”, mettendo in luce questa nuova figura professionale che chiami nail coach?

Esatto. La mia forza motrice più importante, oltre al sostegno di mio marito e della mia famiglia, è proprio il mio desiderio di crescere come formatrice. È qualcosa che nasce da dentro, in maniera del tutto naturale, un’energia esplosiva e contagiosa che coinvolge clienti, colleghe, amici e follower.

È questo il segreto del tuo successo sui social?

Credo che questo sia un elemento chiave del rapporto che stabilisco con chi mi segue; voglio essere percepita come un’amica, come qualcuno a cui rivolgersi per confrontarsi.

Lo stesso vale per le clienti: non parliamo quindi di trattamenti “last minute”, il cui scopo è solo la vendita di un servizio, ma di un momento appagante di confronto umano dove divertimento, bellezza e comunicazione si amalgamano come le forme e i colori che applico sulle unghie, che siano gel, semipermanente, smalto…il limite è solo la creatività.

La scelta di questo nome, la coach delle unghie, riflette perfettamente la mia personalità e la mia professionalità: un metodo, una tecnica, una “voce”, uno spazio di confronto e crescita che si uniscono per dare vita alla figura della nail coach.

Parlaci di come è nato il tuo brand. Quali sono i tuoi obiettivi? Ti riconosci nel tuo ruolo di punto di riferimento per un settore in rapida crescita?

Dal 1 gennaio 2019, grazie al sostegno prezioso della mia famiglia, La Coach delle Unghie è diventato un vero e proprio marchio registrato che racchiude tutta la mia filosofia di lavoro e di comunicazione.

Il social network è uno strumento fondamentale per comunicare il mio brand, perché funge da portfolio delle mie idee e delle mie emozioni permettendo a chi mi segue di cogliere immediatamente la mia essenza.

Come sempre, le mie ambizioni puntano in alto: la più importante è promuovere la crescita di questo settore, elevare il nostro potenziale, perché insieme possiamo andare più lontano.

Il successo sui social network è solo l’inizio: ho ancora tante sorprese da svelare…

Puoi raccontarci come nascono le tue idee? Chi è la tua ispirazione?

Per la verità, nascono tutte sotto la doccia! Cerco di mantenere una certa spontaneità nel mio approccio comunicativo, non seguo storyboard o copioni: come durante una manicure mi lascio guidare dall’ispirazione, scegliendo forme e colori che facciano stare bene la mia cliente, così sui social alterno formati diversi (domande, sondaggi, rubriche ricorrenti, finestre aperte sulla mia vita, attimi di ironia e sketch inventati al momento) per sviluppare una relazione vera con chi mi segue.

La coach delle unghie è Michela all’ennesima potenza, possiamo dire addirittura Michela che fa uno show, ma l’identità di fondo è la mia: non interpreto un personaggio, sono la stessa fuori e dentro i social.

La Coach delle Unghie
La Coach delle Unghie

La forza per andare avanti mi è sempre stata data dalla mia famiglia e da mio marito, dalla stima delle mie colleghe e dei miei amici, dalle clienti che mi stimolano a mettermi alla prova e dalle ragazze e ragazzi dei social (preferisco di gran lunga questa definizione a quella “fredda” di semplici follower) che mi seguono con affetto.

Sono loro la mia ispirazione di ogni giorno.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

WopArt – Work on Paper Fair a Lugano dal 19 al 22 settembre

La quarta edizione di WopArt - Work on Paper Fair, la fiera internazionale dedicata alle opere d’arte su carta fondata da Paolo Manazza, andrà in scena dal 19 al 22 settembre 2019, al Centro Esposizioni Lugano

Per l’inverno 2019/20, Jeremy Scott fa le cose in grande per Moschino

Per evocare l'eccessivo consumismo, Jeremy Scott, ricostruisce per le sfilate un arredamento da televendita. E con umorismo e fantasia, crea un guardaroba ricamato con lattine di bevande, motivi del dollaro e slot machine e accessori divertenti sotto forma di lavatrice o tubetto di dentifricio

Liu Bolin al MUDEC di Milano

Al Mudec, a partire dal 15 maggio, sono state esposte le fotografie mimetiche dell'artista cinese Liu Bolin, in occasione della mostra "Visibile Invisibile"