Alexander McQueen: Il Genio della Moda 

Category:

Alexander McQueen – Il genio della moda è il docufilm che racconta la vita, la carriera, il talento e le ossessioni del visionario designer britannico, nato a Londra nel 1969 e morto suicida a 41 anni, che ha rivoluzionato con la sua arte il modo di concepire le sfilate, trasformandole in veri e propri spettacoli teatrali.

Lee, com’era conosciuto da ragazzo, era il più giovane di sei tra fratelli e sorelle: una famiglia ingleseworking class (il padre faceva il taxista), come tante altre nell’East London. Nulla, a quel tempo, faceva presagire che quel ragazzo goffo e timido sarebbe diventato uno degli stilisti più importanti al mondo.

A soli 16 anni, McQueen abbandonò gli studi per lavorare a Savile Row, il famoso quartiere dell’alta sartoria londinese, con i sarti Gieves & Hawkes e i costumisti Berman & Nathans. A 20 anni si trasferì a Milano, dove collaborò con Romeo Gigli. Nel ’92, a 23 anni, rientrò a Londra per studiare alla Saint Martin’s School of Art grazie al sostegno economico della sorella. Nel ’96, a soli 27 anni, fu nominato direttore creativo di Givenchy al posto di John Galliano.

La direzione creativa di Givenchy divenne così lo scotto da pagare per avere i fondi necessari a fare sfilare la sua maison, Alexander McQueen, la sua vera creatura. Ma a Parigi le regole erano ferree: McQueen resistette fino al 2001, anno in cui abbandonò la maison francese definendola troppo costrittiva.

Vendette così il 51% del suo marchio al gruppo Gucci, che gestiva anche Givenchy, incassando 50 milioni di dollari. Una cifra enorme che lo cambiò: basti pensare che, prima di questo momento, aveva investito tutti i suoi averi nelle sue spettacolari e tormentate sfilate, realizzando ben 14 collezioni ogni anno.

Il biopic dedicato a questo straordinario stilista sarà nelle sale italiane dal 10 al 13 marzo.  Un mosaico composto dalle interviste a McQueen e ai suoi familiari (la sorella e il nipote stilista), agli amici più intimi e ai collaboratori, dai fotogrammi dei suoi spettacolari defilé, dai materiali d’archivio, dalle riprese nei backstage, e dai momenti privati, accompagnati da musiche esclusive commissionate da McQueen in persona.

Il film, girato dal regista Ian Bonhote, co-diretto e sceneggiato da Peter Ettedgui, traccia il ritratto di un visionario talento della moda, tanto geniale quanto ossessionato dai ricordi di un’infanzia interrotta da una brutale violenza: McQueen, già famoso direttore creativo di Givenchy, rivelò in un’intervista di “avere subito abusi, da bambino, da suo cognato e di averlo visto picchiare con violenza sua sorella”.

Una tragedia che segnerà per sempre la sua vita e la sua arte, come ammette anche la sorella in un’intervista. Un dramma che contribuirà alle visioni insanguinate che permeano la sua moda e le sue sfilate trasgressive e scioccanti, che darà inizio alla depressione che lo porterà al gesto estremo di togliersi la vita e che si riflette nel soprannome datogli dalla stampa, “l’hooligan della moda”.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

The light according to Antonello da Messina

Antonello da Messina, A Palazzo Reale la mostra del più grande ritrattista italiano del Quattrocento.

The Ambassadress of made in italy Mariagrazia Cucinotta

Intervista alla bellissima attrice, amata in tutto il mondo per il suo carattere mediterraneo e la sua naturale eleganza.

The photos take shape

Giacomo “Jack” Braglia forma una nuova dimensione nella fotografia.