Italian Design Day 2019: La città del futuro, la qualità della vita e le nuove frontiere dell’abitare

Category:

“La città del futuro, la qualità della vita e le nuove frontiere dell’abitare” sono il tema portante dell’Italian Design Day 2019.

A due anni dal suo lancio, la Giornata, voluta dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, che ha posto il design al centro della sua azione di promozione “Vivere all’italiana”,  è riuscita ad imporsi come efficace strumento di promozione del design, quale espressione del Made in Italy, riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

A presentare il programma della Giornata del Design Italiano, il 18 marzo a Milano, ci saranno il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli e il Direttore Generale per la promozione del Sistema Paese del Maeci, Vincenzo de Luca.

Negli ultimi decenni l’industria del design ha accompagnato lo sviluppo del Paese, divenendo un settore strategico del sistema produttivo nazionale e contribuendo in misura crescente all’export.

L’eccellenza estetica ha costituito un formidabile vantaggio competitivo per le imprese italiane sui mercati internazionali e si è tradotta in prodotti originali, culturalmente connotati, unici nel loro genere e per questo ricercati.

L’edizione 2019 vuole, dunque, evidenziare la capacità del design italiano di migliorare la qualità del vivere nei centri urbani. In occasione dell’Italian Design Day saranno quindi  presentate idee, progetti e soluzioni, per promuovere un dibattito internazionale sulla città del futuro che potrà fungere da punto di riferimento anche in vista dell’Expo 2020 Dubai e della XXII Esposizione Internazionale della Triennale di Milano.

L’edizione 2019 della Giornata del Design inaugura, poi, il format “100 Ambasciatori del design italiano per 100 città”, 100 professionisti scelti tra designer, architetti, urbanisti, imprenditori e docenti, presenteranno il design italiano in 100 eventi, nei principali Paesi del mondo.

La scelta dei testimonial e della tipologia di eventi da realizzare nei vari Paesi nasce dalla collaborazione fra la rete delle Ambasciate, dei Consolati e degli Istituti di Cultura, che hanno segnalato le opportunità  e le esigenze nei vari Paesi, e i partner in Italia e in particolare l’ADI.

I 100 eventi spazieranno dall’organizzazione di convegni e conferenze, a concorsi per giovani designer e a progetti di formazione, che permetteranno di dare visibilità a quello che  sta diventando un elemento fisso nel calendario internazionale del mondo del design.

I testimonial selezioneranno dunque un prodotto emblematico del saper fare produttivo italiano. Ne scaturirà la prima mostra instant del mondo del design. Inoltre i 100 prodotti selezionati raffigurati in un grande mosaico stampato saranno l’emblema dell’edizione Italian Design Day 2019.

Collaborerà alla riuscita dell’iniziativa un gruppo di lavoro attivato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e il Ministero dello Sviluppo Economico, l’Associazione per il Disegno industriale, ICE Agenzia, la Triennale di Milano, il Salone del Mobile di Milano, Federlegno-Arredo, la Fondazione Compasso d’Oro e la Fondazione Altagamma.

A presentare il programma della Giornata del Design Italiano saranno, il 18 marzo a Milano, il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli e il Direttore Generale per la promozione del Sistema Paese del Maeci, Vincenzo de Luca.

sponsored
sponsored
Emanuela Zini
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

Audrey Hepburn la musa ispiratrice di Hubert de Givenchy

Hubert James Marcel Taffin de Givenchy, come può intuirsi dal nome, era un discendente di una casata nobiliare di antichi natali. Superando le resistenze familiari si iscrisse alla Scuola Superiore di Belle arti di Parigi, attirato dal frizzante mondo della moda parigina e dallegrandi suggestioni di anni molto duri, a causa del conflitto mondiale, ma anche seminali per quanto riguarda il gusto e l’alta moda

PFW SS 2020: Vetements sfila da McDonald

Eccessi e provocazioni: la moda ci ha abituato davvero a qualsiasi sfumatura di eccentricità. L’autore dell’ultimo dirompente colpo di genio è Demna Gvasalia, direttore creativo di Vetements, che ha scelto una location sui generis per la sfilata Primavera Estate 2020 Uomo: il McDonald’s sugli Champs Elysées di Parigi

ANASSA Hotel a Cipro, l’ultimo rifugio nel Mediterraneo

Presentare questo magnifico hotel, catturare l'interezza del luogo, incorniciare le sue splendide dimensioni, la sua grande eleganza, la sua eccitante solidità, è una vera sfida.