Jumia debutta sul Nyse con un rialzo del 33%

Category:

Jumia, detto l’Alibaba o l’Amazon africano, debutta sul Nyse con un rialzo del 33%, che valorizza la società circa 1,5 miliardi di dollari.

Jumia è la prima startup tech africana a quotarsi a New York.

Nelle prime contrattazioni l’e-tailer – tra gli “unicorni” del listino Usa – ha superato i 19 dollari per azione, dal prezzo iniziale di 14,50 dollari. Sul mercato sono andati quindi 13,5 milioni di azioni. 

Fondato nel 2012 da Sacha Poignonnec e da Jeremy Hodara, Jumia ha sedi a Lagos, in Nigeria, e a Berlino. Opera in 14 nazioni africane, presentando i prodotti di oltre 40mila venditori e contando più di 4 milioni di clienti l’anno, 550 milioni di visitatori e oltre 13 milioni di pacchi processati nel 2018.

Tra gli investitori spiccano Rocket Internet, il primo a credere in questa piattaforma, Mtn (la più grande compagnia di telecomunicazioni e telefonia mobile in Africa), Orange e Goldman Sachs, per citare i nomi più noti.

La formula adottata da Jumia prevede non solo la vendita di articoli di abbigliamento, accessori, beauty, high tech e prodotti di altri settori, ma anche una serie di servizi, che vanno dalle consegne di pasti a domicilio alla prenotazione di voli e soggiorni, fino alla spesa online in sinergia con Carrefour.

In Africa le vendite online sono pari a 16,5 miliardi di dollari (dato 2017), con una previsione di crescita fino a 29 miliardi nel 2022.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Martini presenta il guardaroba Essenza

Design, funzionalità e un forte accento contemporaneo: Martini presenta il guardaroba Essenza La scelta dell’armadio giusto ricopre un ruolo fondamentale nell’organizzazione della propria camera da letto. Martini propone sistemi modulari e flessibili per ogni esigenza, creando la soluzione ideale per tenere in ordine abiti, scarpe, accessori e gioielli

La Ferrari 250 Gto, auto storica da competizione della casa di Maranello, è un’opera d’arte

E' la prima volta che viene riconosciuta a un'automobile la tutela del diritto d'autore. E non è un caso che la protagonista sia una vettura del Cavallino, se si pensa che il Museum of Moder Art (Moma) di New York ha organizzato all'inizio degli anni Novanta una mostra con protagonisti i modelli della Rossa e un'auto da competizione la F1-90 è tra le sei automobili entrate a far parte della collezione storica

Do you love cooking? Si, ma … cum grano salis!

La cucina come passione è un elemento che solo in parte appartiene al progetto ideato e realizzato da un giovane imprenditore milanese, Edoardo Maggiori che, in pochi anni, ha costruito un interessante modello di business nell’ambito della ristorazione, portandolo ad aprire, a tempo di record, tre ristoranti di successo nella capitale meneghina.