RODARTE & UNIVERSAL STANDARD: una collezione all’insegna dell’inclusività

Category:

I tempi sono cambiati, o meglio, stanno cambiando. Il concetto di inclusività sta facendo il suo ingresso nelle collezioni di un numero sempre più crescente di brand sia del luxury sia del fast fashion.

Così, se qualche anno fa una donna curvy avrebbe trovato difficoltà a trovare l’outfit adocchiato in una qualsiasi boutique, oggi le probabilità di portare a casa un bel paio di jeans skinny o un abito da uno store che non venda solo plus size stanno aumentando.

Un tema caro e condiviso da Alexandra Waldman e Polina Veksler, che si è concretizzato con Universal Standard: un progetto imprenditoriale di abbigliamento femminile contraddistinto da un’importante mission: realizzare ogni articolo in un ampio range di taglie disponibili.

Da un modesto esordio – una linea di otto articoli – ad una diversificata offerta che esplora anche il segmento sporty: oggi l’azienda è una figura chiave nella moda curvy che punta a proporre un guardaroba più trendy, nell’ottica di consentire a tutte di indossare l’alta moda, sdoganando i tradizionali codici dell’high fashion, generalmente destinata a poche tipologie di silhouette.

Una strategia che si avvale di importante collaborazioni come quella, appena annunciata, con Rodarte. La capsule collection prevede quattro pezzi: un vestito, una camicia, una gonna e una tuta – disponibili in varie tonalità come nero, cipria, avorio e rosso ciliegia, con taglie che vanno dalla 4XS alla 4XL.

Volevamo coinvolgere tutte le persone non attivamente impegnate a favore dell’inclusività e della diversità, ma a cui credevamo potesse interessare farsi avanti e dire che è una bell’idea, che è la cosa giusta da fare

ha commentato Polina Veksler di Universal Standard.

Rodarte era la prima della lista

Ci piaceva molto il loro progetto, così, quando ci hanno contattati, è stato l’inizio di una fantastica collaborazione creativa

ha aggiunto Kate Mulleavy di Rodarte.

Quando ci siamo sentiti al telefono, è scattata subito la scintilla e ho avuto la sensazione che entrambi volessimo unire le forze per raggiungere insieme obiettivi incredibili

I capi della collezione sono stati svelati attraverso una campagna advertising in cui le protagoniste sono due amiche che intraprendono un viaggio.

sponsored
sponsored
Letizia Bellitti
Letizia Bellitti
Curious by nature and passionate about everything creative. I have been writing for several years, and I have always been interested in fashion and design. Writing about fashion, art and design is the best way for me to share my passion with others.

Related Posts

Audrey Hepburn la musa ispiratrice di Hubert de Givenchy

Hubert James Marcel Taffin de Givenchy, come può intuirsi dal nome, era un discendente di una casata nobiliare di antichi natali. Superando le resistenze familiari si iscrisse alla Scuola Superiore di Belle arti di Parigi, attirato dal frizzante mondo della moda parigina e dallegrandi suggestioni di anni molto duri, a causa del conflitto mondiale, ma anche seminali per quanto riguarda il gusto e l’alta moda

PFW SS 2020: Vetements sfila da McDonald

Eccessi e provocazioni: la moda ci ha abituato davvero a qualsiasi sfumatura di eccentricità. L’autore dell’ultimo dirompente colpo di genio è Demna Gvasalia, direttore creativo di Vetements, che ha scelto una location sui generis per la sfilata Primavera Estate 2020 Uomo: il McDonald’s sugli Champs Elysées di Parigi

ANASSA Hotel a Cipro, l’ultimo rifugio nel Mediterraneo

Presentare questo magnifico hotel, catturare l'interezza del luogo, incorniciare le sue splendide dimensioni, la sua grande eleganza, la sua eccitante solidità, è una vera sfida.