The photos take shape

Category:

Jack è un giovane artista e fotografo svizzero che vive a Londra. Attraverso la sua passione per immagini, fotografia e arte ha trovato un nuovo modo di usare la macchina fotografica e creare conversazioni tra il mondo esterno e le sue emozioni interiori. Rende le foto tridimensionali utilizzando materiali diversi e forme diverse. Jack usa gesso, alluminio, ferro e acciaio per costruire forme ispirate al periodo ellenico come busti, labbra, piedi e più recentemente scudi e sfere.
Ognuna delle sue opere racconta una conversazione con un nuovo soggetto quali l’Africa, i Riflessi, i Riflessi con l’IPad, l’Inverno e gli Animali.
Jack con le sue fotografie “3D” è in grado di inviare un messaggio molto forte e di creare sentimenti profondi in ogni persona che guarda le sue opere. L’artista ha già fatto tre mostre personali a Londra, Venezia e Cortina d’Ampezzo con la Galleria d’Arte Contini e ha partecipato anche ad ArtRooms a Londra. Più recentemente è stato invitato alla Biennale di Venezia 2019 nel Padiglione della Siria dal 10 maggio.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

MFW, il testimone passa a Milano

Dopo New York e Londra, Milano riceve il testimone proponendo una Fashion Week particolarmente equilibrata fra grandi nomi e nuovi talenti. Il merito va alla Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI), che questa estate ha riunito attorno a un tavolo le principali case di moda milanesi per organizzare il calendario in profondità

Laura Gonzales, intervista alla designer dell’anno per Maison et Objet

Continua il successo di Laura Gonzales, Architetto e interior designer, premiata come designer dell’anno a Maison et Objet 2019

Pininfarina firma il nuovo grattacielo a San Paolo del Brasile

L’Heritage, ne è uno splendido esempio. Il nuovo progetto del costruttore brasiliano Cyrela firmato da Pininfarina nell’elegante quartiere di Itaim Bibi, noto anche come il circuito di Manhattan: una torre avveniristica di 32 piani con un (solo) appartamento per piano, con metrature che vanno da 570 a 700 metri quadri