World’s 50 Best Restaurants. E’ Daniela Soto-Innes the Best Female Chef

Category:

La miglior donna chef del mondo secondo la valutazione di World’s 50 Best Restaurants arriva dal Messico, ha 28 anni ed è a capo delle cucine del ristorante Cosme a New York, di cui è anche socia.

Si chiama Daniela Soto-Innes e riceverà il premio il 25 giugno a Singapore, dove si terrà la cerimonia del World’s 50 Best Restaurants 2019.

Daniela Soto Innes

Il suo nome entra nella speciale hall of fame tutta al femminile creata dall’evento sponsorizzato da da S. Pellegrino e Acqua Panna che dal 2011 a oggi ha visto prevalere Anne-SophiePic, Elena Arzak, Nadia Santini, Helena Rizzo, Hélène Darroze, Dominique Crenn, Ana Roš e infine, lo scorso anno, la nord irlandese Clare Smyth.

Il premio Best Female Chef giunge così alla nona edizione, con la sponsorizzazione della vodka elit by Stolichnaya. Nato per valorizzare il lavoro delle donne nell’ambito dell’alta cucina, ha una giuria composta per metà al femminile e i votanti sono scelti tra cuochi, ristoratori, food writer ed esperti del settore.

Ricevo il premio per tutto il mio team, la mia famiglia, il Messico. E per tutti coloro che ci supportano

ha dichiarato Daniela Soto-Innes.

La sua carriera è iniziata a soli 15 anni negli Stati Uniti (dove la sua famiglia si era trasferita tre anni prima), a Houston (Texas), in un locale di ristorazione di massa.

Quell’esperienza la convinse a frequentare un percorso di alta formazione a Le Cordon Bleu College of Culinary Arts di Austin, sempre nel Texas, per poi entrare al Brennan’s di Houston, rinomato ristorante gourmet.

Da lì sarebbe passata in altri locali della città prima di tornare in Messico al Pujol, considerato il miglior ristorante del Paese e attualmente al 13° posto nella classifica dei 50 Best, affiancando lo chef Enrique Olvera che poi l’avrebbe scelta, dal 2014, come resident chef per l’apertura del Cosme di New York, inaugurato nel 2014, con l’obiettivo di realizzare un locale di fine dining partendo dalla cucina messicana.

Daniela Soto Innes
Daniela Soto Innes

Prima di raggiungere il traguardo della miglior chef del mondo, Daniela Soto-Innes ha vinto il premio Wona Star Chefs Rising Stars e nel 2016 il James Beard Award come miglior chef emergente degli Stati Uniti.

Dopo il Cosme, la presenza di Olvera con Soto-Innes è raddoppiata a Manhattan grazie all’apertura del bistrot Atla nell’area di Noho. Adesso ci sono due nuovi progetti in vista, entrambi a Los Angeles: Damian, che promette di unire la cucina messicana con influenze giapponesi, e la taqueria Ditroit.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Nel cuore di Parigi apre il nuovo showroom di Birkenstock

Lo showroom è concepito come una vetrina del brand, inventore della soletta, e nasce per celebrane la qualità e lo spirito innovatore. Nick Vinson di Vinson & Co ha curato il design d’interni, dopo aver girato il Vecchio Continente alla ricerca di arredi, decorazioni e mobili vintage e nuovi, in una palette di legno caldo e pelle invecchiata

“Nespolo fuori dal coro” a Milano, Palazzo Reale

Articolata come un viaggio, la grande mostra dedicata a Ugo Nespolo in programma dal 6 luglio al 15 settembre ad ingresso gratuito nell’Appartamento dei Principi di Palazzo Reale, racconta il percorso di un artista che nelle sue multiformi evoluzioni ha segnato tappe rilevanti nella storia dell’arte italiana

Alex Israel per Louis Vuitton: cenni pop e colori vibranti per una collezione di tessili

Il percorso di Louis Vuitton è stato sempre tracciato da incursioni artistiche: un lungo elenco di autorevoli nomi del panorama contemporaneo del calibro di Sol LeWitt, Yayoi Kusama, James Rosenquist, Andrée Putman, al quale ora si aggiunge Alex Israel