Louis Vuitton: la borsa Capucines diventa un’opera d’arte

Category:

Gli oggetti che celano una storia sembrano essere destinati a diventare delle icone.

È solo una coincidenza? Di casi emblematici ce ne sono certamente diversi, come la borsa Capucines di Louis Vuitton che fece il suo debutto nel 2013 e fu chiamata così in onore di rue des Capucines, la via di Parigi dove la maison aprì la sua prima boutique nel 1854. Una handbag classica e contemporanea destinata a diventare in breve tempo una it bag.

Caposaldo delle collezioni della label di LVMH, riconoscibile nel suo inconfondibile stile senza tempo, Capucines, come le altre borse iconiche, eleva il concetto di mero accessorio a oggetto del desiderio, da mostrare con garbata eleganza, come ci insegnano le tante celebrities che la indossano, tra cui Angelina Jolie, amante dello stile minimal chic.

Ora la bag Capucines si apre al genio creativo e all’estro di sei artisti internazionali, arruolati dal brand per trasformare la borsa cult e la sua silhouette in un canvas bianco dove riversare la propria verve artistica.

Nella collezione in edizione limitata, chiamata Arty Capucines, si sono cimentati Sam Falls, Urs Fischer, Nicholas Hlobo, Alex Israel, Tschabalala Self e Jonas. La handbag offre così la personale visione di ogni singolo artista contemporaneo rimarcando il dna di Louis Vuitton: innovazione e know-how.

L’Arty Capucines di Alex Israel si ispira alla alla più celebre “onda californiana” dell’artista ed è realizzata con una tintura e cuciture dall’estrema precisione, quella di Jonas Wood presenta un motivo che trae spunto dai suoi dipinti riprodotto con una stampa digitale e un ricamo di oltre 200.000 punti. La frutta e verdura rimovibili nella borsa rivisitata da Urs Fischer sono lavorate a mano, mentre quella di Nicholas Hlobo presenta intricati disegni in pelle cuciti e annodati a mano. Ancora, il patchwork di pelle ricamato è il risultato dell’arte di Tschabalala Self, il complesso lavoro di madreperla è di Sam Falls.

L’ultima collezione in chiave artsy è solo una nuova tappa che si va ad aggiungere ad una serie di collaborazioni tra Louis Vuitton e artisti internazionali del calibro di Jeff Koons, Stephen Sprouse, Takashi Murakami, Richard Prince e Yayoi Kusama.

Ciascuno dei modelli della linea Arty Capucines sarà disponibile in soli 300 pezzi, in vendita negli store Louis Vuitton dal prossimo 25 giugno.

sponsored
sponsored
Letizia Bellitti
Letizia Bellitti
Curious by nature and passionate about everything creative. I have been writing for several years, and I have always been interested in fashion and design. Writing about fashion, art and design is the best way for me to share my passion with others.

Related Posts

ANASSA Hotel a Cipro, l’ultimo rifugio nel Mediterraneo

Presentare questo magnifico hotel, catturare l'interezza del luogo, incorniciare le sue splendide dimensioni, la sua grande eleganza, la sua eccitante solidità, è una vera sfida.

Martini presenta il guardaroba Essenza

Design, funzionalità e un forte accento contemporaneo: Martini presenta il guardaroba Essenza La scelta dell’armadio giusto ricopre un ruolo fondamentale nell’organizzazione della propria camera da letto. Martini propone sistemi modulari e flessibili per ogni esigenza, creando la soluzione ideale per tenere in ordine abiti, scarpe, accessori e gioielli

La Ferrari 250 Gto, auto storica da competizione della casa di Maranello, è un’opera d’arte

E' la prima volta che viene riconosciuta a un'automobile la tutela del diritto d'autore. E non è un caso che la protagonista sia una vettura del Cavallino, se si pensa che il Museum of Moder Art (Moma) di New York ha organizzato all'inizio degli anni Novanta una mostra con protagonisti i modelli della Rossa e un'auto da competizione la F1-90 è tra le sei automobili entrate a far parte della collezione storica