Il “Terzo Paradiso” di Pistoletto nel porto di Catania

Category:

Il “Terzo Paradiso”, l’opera collettiva più famosa di Michelangelo Pistoletto, è stata eseguita per la prima volta in mare e con rifiuti plastici nel porto di Catania.

Si tratta di un’installazione di trenta metri per dodici allestita su un pontile galleggiante e realizzata dai cittadini che hanno raccolto la plastica dal mare per fronteggiare l’inquinamento del Mediterraneo.

Il terzo paradiso catania

L’iniziativa è della Fondazione Oelle-Mediterraneo antico, presieduta da Ornella Laneri.

Il “Terzo Paradiso” a Catania ha preso vita sulla Passeggiata del molo Foraneo di Levante del Porto, collocato su una piattaforma galleggiante di ottocento metri quadrati.

Ha richiesto l’impiego di oltre duemila chili di plastica e oltre cinque ore di lavoro da parte di cittadini, operatori del territorio e in prima fila i docenti e gli allievi della scuola di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Catania.

Il terzo paradiso catania

L’opera si compone di tre cerchi che ricordano il segno dell’infinito in matematica, ma con un anello in più.

Di notte verrà illuminato con luci alimentate ad energia solare.

La sostenibilità ambientale si attua con il simbolo del Terzo Paradiso

ha commentato Michelangelo Pistoletto

il Primo Paradiso è quello naturale, mentre il Secondo Paradiso, quello artificiale, è opera dell’uomo. Questo artificio, attraverso la prospettiva rinascimentale fino a oggi, ha portato allo sviluppo scientifico, ma anche allo sfruttamento della natura e al consumismo che ne è derivato, degradando e distruggendo questa natura. Adesso è arrivato il momento che la scienza si assuma la responsabilità di un progresso che ci riporti alla natura, in un nuovo equilibrio che possa determinare il terzo stadio necessario dell’umanità, cioè il Terzo Paradiso

Con questa visione, il Terzo Paradiso è divenuto fin dalla sua presentazione alla Biennale di Venezia del 2015, un’opera partecipata con oltre 900 eventi organizzati in tutto il mondo e un simbolo di sviluppo sostenibile.

Nei giorni scorsi Michelangelo Oliviero Pistoletto, pittore e scultore e esponente della corrente dell’arte povera, aveva tenuto una Lectio Magistralis nell’aula magna dell’Accademia, in via Vanasco a Catania.

Erano intervenuti, oltre all’artista piemontese, il direttore dell’Accademia Vincenzo Tromba, i due storici dell’arte Ornella Fazzina e Giuseppe Frazzetto, e il past direttore Virgilio Piccari, moderatore il curatore e direttore editoriale di Exibart Cesare Biasini Selvaggi.

Al termine è stato conferito al maestro Pistoletto il diploma accademico Honoris Causa in Arti visive.

 

sponsored
sponsored
Emanuela Zini
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

Ritorna la Belle Époque con il moderno ristorante Sadelle di Ken Fulk

For Las Vegas iteration, all the core elements inside Sadelle’s modern restaurant were increased in a unique and conventional way inspired by the exuberance of Belle Époque. Paris was the source of the main inspiration to create this amazing interior design project by Ken Fulk

La Maison Du Caviar: ristorante di lusso progettato da OITOEMPONTO

La Maison du Caviar fu aperta nel 1956 a Parigi, creata all'epoca dall'importatore Caviar Volga, sollecitata da Sua Maestà lo Shah dell'Iran che era ansioso di avere un lussuoso locale parigino per assaporare il famoso caviale dell'Iran, per il quale aveva esclusività garantita

WopArt – Work on Paper Fair a Lugano dal 19 al 22 settembre

La quarta edizione di WopArt - Work on Paper Fair, la fiera internazionale dedicata alle opere d’arte su carta fondata da Paolo Manazza, andrà in scena dal 19 al 22 settembre 2019, al Centro Esposizioni Lugano