OMNIDE: un HUB al servizio della qualità e della bellezza, con uno sguardo speciale alle iniziative charity

Category:

OMNIDE: un HUB al servizio della qualità e della bellezza, con uno sguardo speciale alle iniziative charity 

Incontriamo a Londra, durante un evento di Excellence Magazine, Ivan Lazzaroni, Principal Director di OMNIDE.

ivan omnide excellence magazine

Ivan, come nasce il vostro progetto?

Siamo uno studio di architettura che basa la sua forza sulla collaborazione e il dialogo aperto a professionisti di altri campi quali ingegneri interior designer, costruttori, fornitori, artisti, per fornire una progettazione in cui la qualita’ del dettaglio determina la bellezza dell’insieme. Questo approccio aperto alla collaborazione costruttiva e multidisciplinare consente di raggiungere e completare progetti di alto livello e alta qualità nei settori residenziale, commerciale e al dettaglio, dalle nuove costruzioni alle ristrutturazioni e agli edifici riconvertiti sia nel Regno Unito che nel resto del mondo. Collaboriamo infatti con i nostri partner situati ad Amsterdam, Mumbai, Nairobi e Roma.

Omnide London hub charity architect excellence magazine

Un pool di professionisti con esperienze diverse. Quale valore aggiunto potete dare ai clienti?

Siamo in grado di dare ai clienti una scelta più vasta nelle opzioni di design presentate , data dalla conoscenza di nuovi materiali, finiture e metodologie di costruzioni all’avanguardia di cui il nostro network ci mette sempre al corrente mantenendoci aggiornati sulle ultime novità. Inoltre vista la relazione prossima con fornitori e costruttori c’e’ un ‘attenzione ai preventivi che risulta più vicina alla realtà in fase di consuntivo e permette al cliente di completare il progetto nel budget e nelle tempistiche previste.

OMNIDE POTTERY CHARITY EXCELLENCE MAGAZINE

Omnide è un HUB che accoglie diverse attività. Come vi è venuta l’idea?

Quando abbiamo aperto il nostro studio di architettura ci siamo resi conto che la progettazione risulta vincente e innovativa laddove e’ aperta alla contaminazione con altre discipline e attività perche’ da’ prospettiva al progetto dando la possibilita’ non di seguire un particolare stile, ma di supplire al bisogno richiesto del cliente con diverse opzioni.

Creare un hub dove le persone si incontrano, si confrontano e imparano qualcosa di nuovo è qualcosa che si esprime molto bene in una città multiculturale come Londra, dove ancora mancava invece uno spazio fisico nel quale questo si potesse riflettere. L’idea di creare uno spazio con questa possibilità ci è sembrata naturale quando ci siamo spostati a Omnide ++ spazio da noi progettato.

Omnide Out of Darkeness Charity Event London

Inoltre siccome la linea di confine tra arte e architettura è molto sottile abbiamo pensato di utilizzare l’arte come linguaggio per mettere in contatto le persone di background diversi tra loro ma che grazie all’arte possono trovare un livello di discussione comune che superi le barriere di provenienza e/o etnia e offra invece un dialogo e un luogo di confronto. Abbiamo pensato quindi di invitare una volta al mese un artista diverso ad esporre le loro opere d’arte e creare una serata evento che possa ispirare la comunità e chi ci visita. 

L’attività charity vi vede protagonisti, ci racconti il vostro ultimo progetto?

L’ultimo progetto nasce dalla volontà di dare uno scopo più profondo e pragmatico agli eventi che organizziamo mensilmente con gli artisti e sensibilizzare la comunita’ londinese.

Quando ho visitato per la prima volta l’India 9 anni fa, ho visto le condizioni di molti bambini senza tetto che vivono nelle strade di Mumbai 24h al giorno. In India ci sono circa 2 milioni di bambini che vivono in strada senza prospettive di avere un futuro normale.

Abbiamo allora pensato di riservare parte dei proventi delle vendita delle opere di artisti indiani durante l’evento che si e’ svolto a Omnide++ il 3 luglio scorso per finanziare una scuola nella città di Bhilwara nell’India del nord, per bambini senza casa.

Omnide ha progettato l’estensione di questa scuola e grazie all’evento e alla raccolta fondi istituita per questa iniziativa https://www.justgiving.com/fundraising/therajasthanifoundation stiamo pianificando la sua realizzazione.

Questo è possibile grazie al supporto anche di 6 artisti Indiani che fanno parte della fondazione Ima www.imafoundation.com i quali hanno devoluto parte delle loro opere alla causa e alla Rajasthani foundation http://www.ourtrf.org/  che è già sponsor per altre iniziative in questa scuola e che gestisce l’utilizzo dei fondi.

Omnide Out of Darkeness Charity Event London

Creando questo progetto stiamo anche cercando di sensibilizzare la comunità londinese e creare dialogo tra le parti e migliorare le prospettive di un futuro per questi bambini.

 

sponsored
sponsored
Emanuela Zini
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

WopArt – Work on Paper Fair a Lugano dal 19 al 22 settembre

La quarta edizione di WopArt - Work on Paper Fair, la fiera internazionale dedicata alle opere d’arte su carta fondata da Paolo Manazza, andrà in scena dal 19 al 22 settembre 2019, al Centro Esposizioni Lugano

Per l’inverno 2019/20, Jeremy Scott fa le cose in grande per Moschino

Per evocare l'eccessivo consumismo, Jeremy Scott, ricostruisce per le sfilate un arredamento da televendita. E con umorismo e fantasia, crea un guardaroba ricamato con lattine di bevande, motivi del dollaro e slot machine e accessori divertenti sotto forma di lavatrice o tubetto di dentifricio

Liu Bolin al MUDEC di Milano

Al Mudec, a partire dal 15 maggio, sono state esposte le fotografie mimetiche dell'artista cinese Liu Bolin, in occasione della mostra "Visibile Invisibile"