Per l’inverno 2019/20, Jeremy Scott fa le cose in grande per Moschino

Category:

Per l’inverno 2019/20, Jeremy Scott pensa in grande per Moschino.

Per evocare l’eccessivo consumismo, ricostruisce per le sfilate un arredamento realistico da televendita. E con umorismo e fantasia, crea un guardaroba ricamato con lattine di bevande, motivi del dollaro e slot machine e accessori divertenti sotto forma di lavatrice o tubetto di dentifricio.

Jeremy Scott Moschino fashion Show Winter 2019/20 Jeremy Scott Moschino

L’intervista rilasciata da Jeremy Scott, rende bene il senso di questa collezione

stavo pensando ai game show americani, stavo pensando a loro, agli anni ’80 e quel tipo di sensazione molto glamour e al top dello spettacolo con donne molto belle, bionde, con grandi acconciature, con abiti di alta moda abbagliati e luccicanti. Volevo solo giocarci, come se stessi realizzando diversi modi di fare il packaging, come fare il packaging come una stampa per gli abiti, in genere gli abiti con perline sono sempre molto solidi e volevo giocarci un pò. Certo, adoro la cultura pop. Ovviamente siamo nello stesso campo dello spettacolo e io sono il re in questo campo e sentivo proprio che questa era una delle cose che volevo fare, mettere un sorriso sul volto delle persone e, sai, penso che la moda dovrebbe farlo. Questo è il mio dono per tutti: mettere un sorriso sul loro volto

Jeremy Scott Moschino fashion Show Winter 2019/20 Jeremy Scott Moschino fashion Show Winter 2019/20

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Say it loud (I’m black and I’m proud) di Christie’s per promuovere l’arte nera

Per fronteggiare il razzismo è necessario ascoltare, comprendere e agire. Quale miglior modo se non attraverso una mostra? Sulla scia di questo concetto e con l’obiettivo di attuare un cambiamento radicale, Christie’s ha deciso di dedicare una mostra di vendita online a 22 artisti emergenti e affermati della comunità nera provenienti dall’Africa e non, in collaborazione con la talentuosa curatrice Destinee Ross-Sutton e con The Harlem Arts Alliance.

Gulla Jonsdottir, Design in Armonia con l’ambiente

Gulla Jonsdottir è una designer nota per aver creato inaspettati e meravigliosi design moderni dal suo studio di Los Angeles

Life Beyond Plastic: arte pubblica sonora per ambiente

Life Beyond Plastic, il concorso di idee sul tema della sostenibilità ambientale è stato vinto dall’artista Matteo Vettorello con una scultura interattiva, azionata da due voci, in sintonia in una piazza di Milano: un invito all’azione ecologista