A Pechino apre l’ottava Biennale internazionale d’arte

Category:

Un mondo colorato e un futuro condiviso

L’ottava edizione della Beijing International Art Biennale è stata inaugurata il 30 agosto al National Art Museum of China, presentando 640 opere di 595 artisti provenienti da 113 paesi.

La mostra, dal titolo “Un mondo colorato e un futuro condiviso”, espone principalmente dipinti e sculture, tra cui 446 opere di artisti stranieri e 194 opere di artisti cinesi.

Oltre alla mostra principale, la rassegna ospita anche sei esposizioni speciali sull’arte contemporanea dei Paesi della Shanghai Cooperation Organization, della Bielorussia, della Repubblica di Corea, della Nuova Zelanda, degli Stati Uniti, della Spagna e di Paesi sudamericani.

Le mostre di quest’anno vogliono evidenziare la preoccupazione degli artisti per la natura, la vita e il destino comune dell’umanità.

Lo afferma Fan Di’an, presidente della China Artists Association, durante la cerimonia di apertura della Biennale che resterà aperta fino al 20 settembre.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Milano Gallery Weekend: Otto Zoo

Otto Zoo è stata fondata da Francesca Guerrizio e Maurizio Azzali nel 2008. La galleria propone un approccio sperimentale alle diverse pratiche dell’arte contemporanea. Il programma si concentra su artisti giovani e middle-career, Italiani e internazionali

MANSUR GAVRIEL: La Capsule Collection omaggia ALEXANDER CALDER

Forme e colori che danno vita a sculture dalla natura cinetica: l’opera di Alexander Calder, l’artista americano del Novecento, si basa su complessi meccanismi in grado di muoversi e di attivarsi interagendo con l’uomo

LVMH per la holding del lusso è un vero boom

Le azioni del gruppo LVMH crescono di quasi il 50% da inizio anno, trascinando il comparto del lusso al rialzo. Il prezzo delle azioni è passato, in poco più di nove mesi, da 253,3 euro di inizio 2019 agli odierni 375,8 euro