La collezione Thannhauser Da Van Gogh a Picasso

Category:

La mostra Guggenheim. La collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso in programma a Palazzo Reale dal 17 ottobre 2019 al 1° marzo 2020, presenta circa cinquanta capolavori dei grandi maestri impressionisti, post-impressionisti e delle avanguardie dei primi del Novecento, tra cui Paul Cézanne, Edgar Degas, Paul GauguinÉdouard Manet, Claude Monet, Pierre-Auguste Renoir, Vincent van Gogh e un nucleo importante di opere di Pablo Picasso.

Pablo Picasso Donna con i capelli Gialli Pablo Picasso Picasso Le Moulin de la Galette

La mostra racconta la straordinaria collezione che negli anni Justin K. Thannhauser costruì per poi donarla, nel 1963, alla Solomon R. Guggenheim Foundation, che da allora la espone in modo permanente in una sezione del grande museo di New York.

Promossa e prodotta dal Comune di Milano CulturaPalazzo Reale, MondoMostre Skira e organizzata in collaborazione con The Solomon R. Guggenheim Foundation, New York, la mostra è curata da Megan Fontanella, curatrice di arte moderna al Guggenheim.

In questa mostra si intrecciano una grande storia di collezionismo che ha attraversato tutto il ventesimo secolo, la volontà di un importante museo di New York che offre a Milano l’opportunità di ammirare i suoi capolavori senza attraversare l’oceano e l’impegno di Palazzo Reale nel proporre ogni anno una mostra in grado di raccontare le collezioni dei più prestigiosi musei di tutto il mondo

afferma l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno

Una combinazione perfetta che arricchisce l’offerta culturale dell’estate milanese

È la prima volta che i più importanti capolavori della collezione Thannhauser del Guggenheim arrivano in Europa: dopo la prima tappa al Guggenheim di Bilbao e la seconda all’Hotel de Caumont di Aix-en-Provence, Palazzo Reale a Milano rappresenta la tappa conclusiva della mostra, dopo la quale queste splendide opere ritorneranno a New York. Si tratta dunque di un’occasione unica e irripetibile per ammirare lavori di eccezionale qualità di grandi maestri della pittura europea sinora mai esposti fuori dagli Stati Uniti.

Monet Il Palazzo Ducale

Se la collezione Thannhauser rappresenta dunque un gioiello per il Museo Guggenheim che, votato soprattutto all’arte astratta, all’inizio degli anni Sessanta contava su un piccolo numero di opere impressioniste e postimpressioniste, a sua volta il museo americano con questa mostra omaggia il grande collezionista tedesco portando in Europa opere di eccezionale qualità e di grande importanza nel percorso creativo di ciascun artista.

Dopo aver vissuto per cinquecento anni in Germania

aveva dichiarato Justin Thannhauser dopo aver perso i figli e la prima moglie

la mia famiglia è ora estinta. Per questo desidero donare la mia collezione

Nel 1963 con questo gesto filantropico “l’opera di tutta la mia vita trova infine il suo significato”.

Monet Il Palazzo Ducale

Al Museo Guggenheim questa meravigliosa collezione viene ammirata ogni giorno da centinaia di americani e di turisti in visita nell’edificio-culto realizzato da Frank Lloyd Wright; a Milano per alcuni mesi queste opere straordinarie rendono nuovamente omaggio al ruolo di questa famiglia nella difesa e nella promozione degli artisti di avanguardia europei durante oltre mezzo secolo.

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Intesa-Ubi: nasce gigante bancario al servizio di territorio e PMI

Intesa-Ubi: Lauro (Unimpresa), nasce gigante bancario al servizio di territori e PMI

Il Giardino di Boboli ospita “Give” di Lorenzo Quinn

"Give" è un dono dell’artista e della sua galleria alla città di Pietrasanta, dove a settembre sarà installato nel Parco Internazionale di Scultura e dove farà parte di un progetto Onu contro il cambiamento climatico

Barriques Museum, il nuovo Tempio dell’Arte Contemporanea

L’arte contemporanea ha un nuovo tempio, si chiama Barriques Museum, un connubio Arte Vino che nasce grazie al genio innovativo del professor Stefano Pizzi della cattedra di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera e Tenute Orestiadi