Dimora delle Balze a Noto: “Amuri Sicilianu”

Category:

Sarà la sua posizione geografica, che la vede adagiata come un petalo nel cuore del Mediterraneo, sarà il suo profumo intenso e fruttato, che la pervade in ogni dove e le cui mille sfumature sono percepibili pressoché in ogni periodo dell’anno; saranno le testimonianze lasciate dalle più antiche ed evolute Civiltà del passato, dai Greci agli Arabi, dai Romani ai Normanni, che l’hanno plasmata donandole architetture di magnificenza unica; sarà la passione, l’acume e la profondità di spirito della sua gente, che ci ha regalato illustri Pensatori, Filosofi, Artisti… sarà per tutti questi motivi messi assieme che la Sicilia esprime, da sempre, un fascino unico, non riscontrabile altrove…

In questa terra così carica di Storia, di Bellezza, di Natura e di Sapori, incastonata nelle selvagge colline dell’entroterra tra le città di Noto e Siracusa, abbiamo scovato per voi un luogo speciale, che da solo incarna la stessa essenza mediterranea…Una dimora in grado di accogliere la vostra anima, di liberare i vostri sensi, di rigenerare la vostra mente.

La tenuta Dimora delle Balze era originariamente un’antica masseria costruita nei primi anni del 1800 per opera di una nobile famiglia di Palazzolo Acreide, che assieme al Val o Vallo di Noto è dal 2002 Patrimonio dell’Umanità UNESCO.  La Dimora veniva utilizzata anche come residenza estiva dalla nobile famiglia e si estende per circa 27 ettari, 14 dei quali destinati tuttora all’agricoltura biologica.

Oggi mantiene intatte quelle strutture e quelle architetture, grazie al restauro conservativo voluto dall’attuale proprietà, impreziosite da elementi di design raffinato. Al suo interno troviamo quindi la tipica ampia corte quadrangolare, sulla quale si affacciano da un lato le stanze un tempo destinate all’abitazione del massaro, alle stalle ed ai magazzini, mentre dall’altro, un antico cancello conduce all’abitazione padronale, le cui stanze presentano ancora gli originali affreschi d’epoca risorgimentale.

La Dimora è composta da 12 residenze, ognuna con disegni e colori differenti, progettati ad hoc, ognuna con un concept e una storia da raccontare. I nomi scelti per ogni stanza, fanno riferimento ad opere di artisti siciliani, spaziando dal cinema all’arte, dalla poesia all’opera lirica. In tal modo, la proprietà ha voluto rendere omaggio agli straordinari interpreti che hanno reso grande il nome di questa splendida regione in tutto il Mondo.

Dimora delle Balze è un luogo magico, dal forte potere evocativo, la cornice perfetta per eventi unici. Gli spazi utilizzabili per i ricevimenti sono accoglienti e raffinati, si può scegliere tra le varie corti interne, i giardini, la zona piscina e la limonaia.

Non per nulla è una delle location selezionate da Castelli e Dimore Storiche della Dott.sa Beatrice Brialdi , che si prefigge di selezionare un gruppo di Dimore d’epoca significative per la Storia e per lo Stile dell’Accoglienza italiani.

Una location dove all’immaginazione non è posto freno, amata da coloro che ricercano l’eccellenza. Piace infatti a produttori di eventi di nicchia, come Galanthea, la giovane azienda milanese che sta dando vita ad una nuova era degli eventi creativi di lusso, combinando con classe, tradizione ed attualità.

Dimora delle Balze è il luogo in cui scoprire il vero carattere di una terra meravigliosa che, unica al Mondo, è capace di farci percepire milioni di sfumature, di donare emozioni che rimangono nel cuore, quando sapientemente evocate.

 

by Fabrizio Lello

sponsored

Related Posts

Intesa-Ubi: nasce gigante bancario al servizio di territorio e PMI

Intesa-Ubi: Lauro (Unimpresa), nasce gigante bancario al servizio di territori e PMI

Il Giardino di Boboli ospita “Give” di Lorenzo Quinn

"Give" è un dono dell’artista e della sua galleria alla città di Pietrasanta, dove a settembre sarà installato nel Parco Internazionale di Scultura e dove farà parte di un progetto Onu contro il cambiamento climatico

Barriques Museum, il nuovo Tempio dell’Arte Contemporanea

L’arte contemporanea ha un nuovo tempio, si chiama Barriques Museum, un connubio Arte Vino che nasce grazie al genio innovativo del professor Stefano Pizzi della cattedra di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera e Tenute Orestiadi