Alma Design: lo spazio living diventa Coral

Category:

Alma Design rinnova alcune delle sue proposte più iconiche declinandole in Living Coral, il nuovo colore Pantone 2019.

Il ‘Color of the Year’ è una cromia calda, vivace e avvolgente che unisce armoniosamente il rosa e l’arancio, una sfumatura che trasmette energia e suggerisce vibrazioni positive.

Amy
Amy

Il Living Coral sarà in grado di influenzare il beauty, il lifestyle, designer di settori diversi come l’abbigliamento, l’arredamento per la casa o il design industriale, detterà nuovi trend e sarà fonte di nuove ispirazioni per tutto il prossimo anno.

Julie
Julie

Alma Design, sempre attenta ai nuovi trend, propone un’ampia gamma di sedute, poltrone e sgabelli personalizzabili nel nuovo colore.

X Stool
X Stool

Alma Design dà, infatti, la possibilità di creare, attraverso le sue soluzioni, ambientazioni originali, animate da un colore sempre diverso, attitudine che le ha permesso di rendere unico ogni progetto.

Marlene
Marlene

Agata, Amy, Gesto, Marlene Virna, X Big e proposte firmate Alma Design vengono, così, presentati in Living Coral, trasformandosi in complementi dal carattere forte, ma allo stesso tempo capaci di inserirsi con disinvolta eleganza nell’ambiente che li accoglie, esaltandolo e rendendolo speciale.

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Intesa-Ubi: nasce gigante bancario al servizio di territorio e PMI

Intesa-Ubi: Lauro (Unimpresa), nasce gigante bancario al servizio di territori e PMI

Il Giardino di Boboli ospita “Give” di Lorenzo Quinn

"Give" è un dono dell’artista e della sua galleria alla città di Pietrasanta, dove a settembre sarà installato nel Parco Internazionale di Scultura e dove farà parte di un progetto Onu contro il cambiamento climatico

Barriques Museum, il nuovo Tempio dell’Arte Contemporanea

L’arte contemporanea ha un nuovo tempio, si chiama Barriques Museum, un connubio Arte Vino che nasce grazie al genio innovativo del professor Stefano Pizzi della cattedra di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera e Tenute Orestiadi