La Ferrari 250 Gto, auto storica da competizione della casa di Maranello, è un’opera d’arte

Category:

La Ferrari 250 Gto, auto storica da competizione della casa di Maranello, è un’opera d’arte.

E’ la prima volta che viene riconosciuta a un’automobile la tutela del diritto d’autore. E non è un caso che la protagonista sia una vettura del Cavallino, se si pensa che il Museum of Moder Art (Moma) di New York ha organizzato all’inizio degli anni Novanta una mostra con protagonisti i modelli della Rossa e un’auto da competizione la F1-90 è tra le sei automobili entrate a far parte della collezione storica.

E’ stato il Tribunale di Bologna, Sezione specializzata in materia di impresa, ad accogliere un reclamo presentato dalla Ferrari per tutelare il design della vettura da un’imitazione.

La spiccata personalizzazione delle linee, delle forme e degli elementi estetici, secondo il Tribunale, hanno fatto della Ferrari 250 Gto un unicum nel suo genere, una vera e propria icona automobilistica.

Il valore artistico della forma del design ha trovato oggettivo e generalizzato riconoscimento in numerosi premi e attestazioni ufficiali, pubblicazioni e nell’esposizione in mostre e musei anche come scultura.

La 250 Gto è stata costruita nella sua versione definitiva dal celebre carrozziere Sergio Scaglietti all’inizio degli anni Sessanta. Ne furono realizzati 36 esemplari. E’ l’auto più costosa di sempre: l’esemplare 3413 Gt del 1962 è stata battuta all’asta Sotheby’s, nell’ambito della Monterey Car Week 2018, al prezzo record di oltre 48 milioni di dollari.

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Intesa-Ubi: nasce gigante bancario al servizio di territorio e PMI

Intesa-Ubi: Lauro (Unimpresa), nasce gigante bancario al servizio di territori e PMI

Il Giardino di Boboli ospita “Give” di Lorenzo Quinn

"Give" è un dono dell’artista e della sua galleria alla città di Pietrasanta, dove a settembre sarà installato nel Parco Internazionale di Scultura e dove farà parte di un progetto Onu contro il cambiamento climatico

Barriques Museum, il nuovo Tempio dell’Arte Contemporanea

L’arte contemporanea ha un nuovo tempio, si chiama Barriques Museum, un connubio Arte Vino che nasce grazie al genio innovativo del professor Stefano Pizzi della cattedra di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera e Tenute Orestiadi