Pininfarina firma il nuovo grattacielo a San Paolo del Brasile

Category:

L’edificio è un affascinante esempio di smart design, costruito a San Paolo del Brasile, definita come la più grande città italiana del mondo, considerato che, secondo alcune stime, la metà dei suoi 12 milioni di abitanti ha dna italiano.

heritage pininfarina san paolo

Le origini della comunità italiana si perdono nei decenni che vanno dal 1880 al 1920, ancora oggi l’italian style domina: dal cibo all’architettura.

L’Heritage, ne è uno splendido esempio. Il nuovo progetto del costruttore brasiliano Cyrela firmato da Pininfarina nell’elegante quartiere di Itaim Bibi, noto anche come il circuito di Manhattan: una torre avveniristica di 32 piani con un (solo) appartamento per piano, con metrature che vanno da 570 a 700 metri quadri.

heritage pininfarina san paolo

I condomini hanno a disposizione un garage con 6/8 posti auto (ciascuno), più piscine interne ed esterne, un’area per bimbi con parco giochi, un campo da tennis, sale rilassanti, un bar, una sala da ballo con terrazza all’aperto, una palestra all’avanguardia, una spa. Un edificio affascinante costruito con le più moderne innovazioni tecnologiche.

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Intesa-Ubi: nasce gigante bancario al servizio di territorio e PMI

Intesa-Ubi: Lauro (Unimpresa), nasce gigante bancario al servizio di territori e PMI

Il Giardino di Boboli ospita “Give” di Lorenzo Quinn

"Give" è un dono dell’artista e della sua galleria alla città di Pietrasanta, dove a settembre sarà installato nel Parco Internazionale di Scultura e dove farà parte di un progetto Onu contro il cambiamento climatico

Barriques Museum, il nuovo Tempio dell’Arte Contemporanea

L’arte contemporanea ha un nuovo tempio, si chiama Barriques Museum, un connubio Arte Vino che nasce grazie al genio innovativo del professor Stefano Pizzi della cattedra di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera e Tenute Orestiadi