Deloitte ha presentato il sesto Art & Finance Report

Category:

L’interesse per l’arte e il collezionismo come parte di una strategia olistica di gestione patrimoniale continua ad essere un asset importante. La tecnologia, i cambiamenti nelle normative e gli investimenti a impatto sociale sono tendenze chiave per plasmare il mercato dell’arte e della finanza nel 2019 e guardare il futuro.

La tendenza di includere arte e oggetti da collezione nei portafogli di gestione patrimoniale e nei rapporti sulla ricchezza è più forte che mai, secondo quanto presentato nella sesta edizione del Rapporto Deloitte e ArtTactic Art & Finance 2019.

La ricchezza degli individui ultra-high-net-worth associata all’arte e agli oggetti da collezione valeva circa 1,774 miliardi di dollari USA nel 2018 e si prevede che crescerà ulteriormente secondo il rapporto Deloitte. I risultati del sondaggio di quest’anno mostrano un accordo particolarmente elevato tra i gestori patrimoniali, i professionisti dell’arte e i collezionisti che l’arte è una componente importante di un’offerta di servizi di gestione patrimoniale. Questa opinione segna il consenso più forte su questo punto dal lancio del sondaggio nel 2011.

12th Deloitte Art & Finance conference - Report 2019

Tuttavia, nonostante l’aumento della popolazione High-Net-Worth e un maggiore interesse per l’arte come attività, le tendenze di crescita nel mercato dell’arte sono state più basse  rispetto alla crescita della ricchezza globale.

I risultati rivelano che la mancanza di trasparenza è una preoccupazione costante per i collezionisti, causando una continua sfiducia nel mercato. Inoltre, la nuova sfida deriva dai comportamenti degli investitori di prossima generazione i cui interessi vanno oltre i rendimenti finanziari dell’impatto sociale

afferma Adriano Picinati di Torcello, direttore e coordinatore di Global Art & Finance presso Deloitte.

Quest’anno, abbiamo identificato tre tendenze che direttamente o indirettamente mirano a dare risposte a queste preoccupazioni: tecnologia, modifiche normative e modelli di investimento di impatto sociale

Regolamenti nuovi per accrescere la fiducia

Nel sondaggio di quest’anno, il 75% dei collezionisti ha affermato che la mancanza di trasparenza è stata una delle maggiori minacce alla reputazione del mercato. Si tratta di un aumento dal 62% dell’indagine del 2017 e segna il consenso più forte su questo punto da quando questa domanda è stata introdotta nel 2016 con il 75% dei professionisti dell’arte e il 77% dei gestori patrimoniali che affermano lo stesso.

Per l’85% delle banche private, il riciclaggio di denaro rappresenta una minaccia fondamentale per la reputazione del mercato. I cambiamenti normativi governativi possono essere l’antidoto a questa condizione, nonostante la mancanza di consenso tra le parti interessate del mercato sul valore della regolamentazione del governo sull’autoregolamentazione. L’avvento della quinta direttiva antiriciclaggio dell’UE, entrata in vigore nel gennaio 2020, potrebbe diventare un catalizzatore per combattere questo problema e ispirare ulteriori regolamenti a venire. Il rapporto suggerisce che la collaborazione tra gli attori dell’arte e della finanza è essenziale al fine di sviluppare linee guida e standard comuni per affrontare il deterioramento della fiducia nel mercato dell’arte.

I modelli di investimento a impatto sociale sono in forte aumento

Per il 65 percento dei collezionisti intervistati, l’arte e la filantropia sono tra i servizi più rilevanti che i gestori patrimoniali possono offrire. I gestori patrimoniali sembrano aver risposto a questa tendenza con oltre la metà dichiarando che si concentreranno su quest’area nei prossimi 12 mesi, rispetto al 40% nel 2017.

Sempre più investitori desiderano supportare prodotti che abbiano un impatto positivo sulla società e sul mondo in generale

afferma Picinati di Torcello

Sono necessari nuovi modelli di investimento sociale incentrati su progetti e istituzioni di arte e cultura non commerciali. Una innovativa soluzione di investimento o di finanziamento potrebbe nascere da partership tra pubblico-privati. Tali accordi potrebbero trasformare le raccolte pubbliche in beni con rendimenti tangibili in modo che le istituzioni pubbliche dispongano di fondi sufficienti per raggiungere i loro obiettivi

Pianificazione immobiliare molto apprezzata dai collezionisti

Nonostante la forte attenzione rivolta agli investimenti sociali e la sua successiva crescita negli ultimi due anni, la pianificazione immobiliare è il servizio più rilevante per il 76 percento dei collezionisti (rispetto al 69 percento nel 2017). Questo è seguito da vicino da servizi di valutazione d’arte al 73 per cento. Ciò indica che, in linea con il trasferimento di ricchezza generazionale, la pianificazione patrimoniale e la valutazione dell’arte sono due delle principali priorità dei collezionisti. La maggior parte dei professionisti dell’arte ha riconosciuto questa richiesta, con il 78% e l’87% dei professionisti che credono che questi due siano i servizi più rilevanti per i loro clienti.

Focus diviso sui prestiti garantiti dall’arte

Il mercato dei prestiti garantiti dall’arte è cresciuto negli ultimi dieci anni, con una dimensione del mercato stimata nel 2019 tra i 21 e i 24 miliardi di dollari di prestiti in sospeso contro l’arte. I prestiti garantiti da arte rientrano tra i servizi di arte e gestione patrimoniale più popolari nel 2019: il 60% dei collezionisti intervistati ha riferito che sarebbe uno dei servizi relativi all’arte più rilevanti, rispetto al 45% nel 2017. Allo stesso tempo, solo il 16% delle banche europee intervistate ha dichiarato che si concentrerà sui prestiti garantiti dall’arte nei prossimi 12 mesi. Questa cifra è in netto contrasto con l’80% delle banche private statunitensi, affermando che questo sarebbe un punto focale per loro.

Una delle ragioni di questa differenza sembra essere la mancanza di un quadro giuridico in Europa. La nozione di arte come classe di attività è meno compresa in Europa che negli Stati Uniti. Inoltre, non esiste un sistema uniforme di registrazione delle accuse sui chattel come negli Stati Uniti con l’Uniform Commercial Code (UCC). Sebbene ogni paese europeo abbia un proprio sistema, molti di questi sistemi non sono adatti al mercato dei prestiti garantiti dall’arte come esiste nel 21° secolo

analizza Picinati di Torcello.

Secondo il rapporto Deloitte, gli Stati Uniti dominano quindi il mercato globale dei prestiti garantiti dall’arte con una quota stimata del 90%.

Rapporto Deloitte e ArtTactic Art & Finance 2019

Il famoso Deloitte Art & Finance Report esamina il mercato dell’arte e della finanza attraverso il suo Wealth Management Survey e attraverso ricerche di mercato in corso. Per l’edizione 2019, Deloitte e la società di analisi, ArtTactic hanno condotto ricerche tra aprile e giugno 2019, sondando 54 banche private e 25 family office coinvolti nella gestione patrimoniale, oltre a 105 importanti collezionisti d’arte e 138 professionisti dell’arte, tra cui gallerie, case d’aste, consulenti d’arte, avvocati d’arte, assicuratori d’arte e fornitori di logistica.

La sesta edizione dell’Art & Finance Report è stata lanciata in occasione della conferenza annuale Deloitte Art & Finance a Monte Carlo, Monaco, alla presenza del ministro monegasco delle finanze e dell’economia, Jean Castellini, e di altri oratori di fama del settore.

Il rapporto completo può essere scaricato dal sito Web di Deloitte Luxembourg all’indirizzo: www.deloitte.com/lu/art-finance-report.

 

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

THE VIEW Lugano, Fête de Noël per i bambini di Malindi

On Sunday 1 December, THE VIEW Lugano will begin the magical and enchanted Christmas period with the Fête de Noël: an exhibition of gift ideas made available by partners of excellence, whose proceeds will support the initiatives for children of the Children Orphanage Center Mayungu of Malindi, Kenya

L’Inclusività Protagonista della Campagna Cruise 2020 di DIOR

Capitale della cultura in Africa nel 2020, luogo di suggestioni e melting pot di creativi come scrittori, fotografi e stilisti: Marrakech è l’affascinante città del Marocco costellata da architetture regali, oasi di palme, colori e luci

Un’installazione d’arte futuristica a Tallinn esplora una nuova dimensione di realtà

Uno spettacolo curioso attende i visitatori alla Biennale di architettura di Tallinn (TAB) di quest'anno fuori dal Museo di architettura estone: un'installazione monumentale di arte scultorea sembra essere stata legata con forza da un potere soprannaturale