[:en]Interview with Mr. Mohamed Ghannem: education and sport value to support young people [:it]Intervista con Mohamed Ghannem: educazione e sport per supportare i giovani[:]

Category:

[:en]

Interview with Mr. Mohamed Ghannem, Specialized lawyer in Public International Law and Political Sciences and President of the Tunisian Taekwondo Federation.

He meets us in the hall of our hotel in Tunisi wearing an impeccable blue suit: a lean silhouette, with intense eyes. Tunisi may be considered as the center of the North-African world, the Maghreb, a word that stands for “the place where the sun sets” in Arabic, always a neuralgic center in the Mediterranean Sea as easy to reach both for the Europeans – no Visa is needed to enter Tunisia – and for the Africans and the Middle Easterners.

Tunisi is comparable with what Beirut was many years ago for the Middle East: a place where to meet people coming from every corner of the world and having the most varied interests.

Mohamed Ghannem is seen as a key figure in this country for all activities related to the world of sports, and we ask him about it.

I started doing taekwondo as a child. When I was 10, I became an orphan, so it was really important for me to have a discipline to follow. From a discipline, it became a lifestyle for me. The daily commitment, the physical training, the preparation, the confrontation with my opponents in matches, the study of the techniques. All of this also helped me along my academic path: today, I am an accomplished lawyer specialized in public international law and interested in my country’s and the world’s political affairs.

Over the years, practicing this sport and my role as the President of the National Federation have often taken me outside my country, allowing me to open to a world that is different than North Africa, to better understand different lifestyles and to learn how to be more helpful to our kids and our country.

What do you mean by this?

You see, since my appointment as the President of the Tunisian Federation, our athletes have increased from 3,000 to 30,000; the clubs offering taekwondo were 90 and are now 450. Today, taekwondo is the second-ranking sport for number of participants in Tunisia after football.

Within our Federation, we launched a youth development program that allows boys and girls to carry on their studies while training at elite levels. In this way, they can combine education with sport, which makes them less fragile in the face of tempting harmful lifestyles: the use and abuse of alcohol and drugs, as well as religious fanaticisms.

Tunisia is a Muslim country, but open to all religions. Our country has always been a renowned, welcoming tourist destination for all travelers, and we hope it will still be in the years to come. We are not producing oil or gas like other countries bordering the Mediterranean, so tourism, agriculture and services are the only resources we have.

This is why we need young, open-minded generations. Attending gyms and taking part in international competitions helps kids to break down the barriers of preconceptions on others.

How is the government supporting you?

We have inaugurated a collaboration with the Ministry of Education that has allowed us to use the abandoned spaces in public schools. There are 450 in the whole country. As of now, with the help of our many supporters, we have equipped 50 of them and we intend to continue.

In these spaces, the coach and the kids build a strong relationship together. Practicing sports, especially a discipline such as martial arts, helps to change one’s habits and to forsake the harmful ones for better ones.

This leads to an important exchange of relationships between the coach and the athletes that goes beyond the simple sport practice and continuously grows.

What are your plans for the future?

Last year, we held an Olympic qualification phase here in our country. Attendance was successful, over 150 delegations from different countries came to Tunisia. What is most interesting is that many of them discovered our beautiful country, its attractions, its tourist resources for the first time there. Many did not know Tunisia at all.

All of this was possible because of our work in the past years, which enabled two of our athletes to win a junior and a senior Olympic gold medal.

This made us even more visible as an emerging team in the world of Taekwondo and made it easier for us to be accepted as a host country.

We intend to organize more events of this kind, which automatically turn into economic development drivers for the whole local tourism and hospitality industry – hotels, restaurants, beaches, archeological and natural sites.

Today, the world is exposed to the risk of terrorist attacks. Do you think sport can do something to contain the danger in your country?

This question touches me deeply. In the past few years, our country managed to rise again from the damage caused to tourism by the 2015 terrorist attacks to the Bardo Museum and the Sousse Beach. Tunisia had dropped to the bottom of the rankings as an international tourist destination. Which is understandable, since no one chooses a hazardous location for their holidays. It is a bit like what happened to Sharm El Sheikh after the Russian airplane crash in Sinai.

Our government imposed exemplary punishments – 7 life sentences – to the offenders and strongly condemned their actions.

Within our Federation, we strongly believe that practicing sports keeps kids safe from alcohol, drugs and religious extremism. It is easy to understand why I am convinced that the development of our sport can be a crucial factor in protecting Tunisia. It is a laboratory for the innovation of our country.

Every new athlete joining our gyms is yet another bit of Tunisia that chooses a positive, modern, constructive approach to life.

As you can see, taekwondo has become my whole life.[:it]

Intervista con Monsieur Mohamed Ghannem, Avvocato Specializzato in Diritto Pubblico Internazionale e Scienze Politiche e Presidente della Federazione Tunisina di Taekwondo

Arriva all’incontro nella hall del nostro hotel a Tunisi in un perfetto abito blu, fisico asciutto, uno sguardo profondo. Tunisi è un po’ il centro del mondo nord africano, il Maghreb, che nella lingua araba indica il posto dove tramonta il sole. Da sempre centro nevralgico del Mediterraneo perché semplice da raggiungere sia per gli europei – per entrare in Tunisia non occorre visto – sia per gli africani e i medio orientali.
Tunisi si può paragonare a quella che era Beirut tanti anni fa per il Medio Oriente: un luogo dove si potevano incontrare persone che venivano da ogni parte del mondo e con molteplici interessi.
Mohamed Ghannem è considerato un elemento di spicco in questa nazione per le attività legate al mondo dello sport e gli chiediamo di parlarcene.

Ho cominciato a praticare il taekwondo da piccolo. A 10 anni sono rimasto orfano e così per me è stato molto importante avere una disciplina da seguire. Da disciplina è diventata per me uno stile di vita. L’impegno quotidiano, il lavoro fisico, la preparazione, il confronto durante i combattimenti con i miei avversari. Lo studio delle tecniche. Tutto questo mi ha anche portato avanti nel mio percorso di studi e oggi sono un affermato avvocato esperto in diritto pubblico internazionale e interessato alle vicende politiche del mio Paese e a quelle Internazionali.
La pratica dello sport e la mia carica di Presidente della Federazione Nazionale mi ha consentito negli anni di viaggiare molto al di fuori del mio Paese e questo mi ha permesso di aprirmi ad un mondo diverso da quello del nord Africa, facilitando così la comprensione di modi di vita differenti costruendo così in me una migliore capacità di essere utile ai nostri ragazzi e al nostro Paese.

Cosa intende con ciò?

Vede da quando sono diventato Presidente della Federazione in Tunisia siamo passati da 3.000 atleti a 30.000, i club dove si praticava il Taekwondo erano 90 oggi sono 450. Oggi il Taekwondo e il secondo sport per numero di praticanti in Tunisia dopo il calcio.
Nella nostra Federazione abbiamo dato origine a un progetto di sviluppo giovanile che permette ai ragazzi di continuare il corso di studi e allo stesso tempo di allenarsi intensamente. Questo permette ai giovani di abbinare educazione a sport e ciò li rende meno fragili alle tentazioni di stili di vita negativi quali l’uso e l’abuso di alcol e droghe e anche dei fanatismi religiosi.
La Tunisia è un paese musulmano ma aperto a tutte le religioni. Il nostro Paese si è sempre caratterizzato come meta turistica e accogliente per tutti i viaggiatori e noi desideriamo che sia ancora così in futuro. Non produciamo petrolio o gas come altri Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo e le nostre risorse sono quindi il Turismo, l’Agricoltura e i Servizi.
Per fare questo abbiamo bisogno di giovani generazioni dalla mente aperta e confrontarsi nelle palestre e nelle competizioni internazionali permette ai ragazzi di abbattere le barriere dei pregiudizi verso gli altri.

Come vi supporta il Governo?

Abbiamo inaugurato un rapporto di collaborazione con il Ministero dell’Educazione che ci ha permesso di usufruire degli spazi inutilizzati delle scuole pubbliche. Nel paese ce ne sono 450 ad oggi ne abbiamo attrezzate, grazie al contributo di molti sostenitori, 50 e vogliamo continuare.
In questi spazi si crea un rapporto profondo fra l’educatore e i giovani, la pratica dello sport infatti, in particolare di una disciplina come un’arte marziale, permette di cambiare le abitudini, di lasciare quelle non positive e di prenderne di migliori.
Si genera così un rapporto di scambio di relazioni importanti fra il maestro e gli allievi che va oltre la dinamica sportiva e diventa così un rapporto di crescita continua.

Quali sono gli sviluppi futuri?

Lo scorso anno abbiamo organizzato qui nel nostro Paese una fase di gare per la qualificazione alle Olimpiadi. Abbiamo avuto un grande successo di partecipazione, oltre 150 delegazioni di Paesi diversi sono venute qui in Tunisia. La cosa più interessante è stata la scoperta per molti di loro del nostro bellissimo Paese, delle sue attrazione, delle sue risorse turistiche. In molti non conoscevano per niente la Tunisia.
Tutto questo è stato possibile grazie al lavoro fatto in questi anni, che ha permesso a due nostri atleti di vincere una medaglia d’oro olimpica, uno nella categoria juniores e una nei seniores.
Questo ci ha permesso di farci notare come realtà emergente del mondo del taekwondo e allora è stato più semplice farci accettare come Paese ospitante.
Abbiamo intenzione di organizzare altri eventi del genere e questo diventa automaticamente anche un fattore di sviluppo economico per tutta l’industria del turismo locale, dall’ospitalità negli hotel, ai ristoranti, alle spiagge, ai siti archeologici e a quelli naturali.

 

Oggi il mondo è esposto al rischio terrorismo pensa che lo sport possa fare qualcosa per arginare questo pericolo nel vostro Paese?

Questa domanda mi tocca nel profondo, il nostro Paese negli ultimi anni è riuscito a risollevarsi dai danni provocati al turismo dagli attentati al Museo del Bardo e della Spiaggia di Susa del 2015. La Tunisia era crollata come meta di destinazione turistica internazionale. Comprensibile perché nessuno sceglie una meta rischiosa per passare delle vacanze, un po’ come accaduto per Sharm El Sceikh dopo la caduta dell’aereo russo sul Sinai.
Il Governo ha comminato delle pene esemplari, 7 ergastoli, ai colpevoli dando così un segno forte di condanna verso questo fenomeno.
Nella nostra Federazione siamo fortemente convinti che la pratica dello sport tenga molti giovani lontani da alcol, dalla droga e dall’estremismo religioso. Quindi può ben capire come io veda nella crescita del nostro movimento sportivo un importante elemento di salvaguardia per il Paese. Ne stiamo facendo un laboratorio per l’innovazione del Paese.
Ogni atleta in più che frequenta le nostre palestre è un pezzo di Tunisia che affronta la vita in maniera positiva, costruttiva, moderna.
Come comprende per me il taekwondo è ormai la mia vita.[:]

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

[:en]Project 2020: A New Arabic Edition for the Magazine and Salone delle Eccellenze in Dubai for EXPO[:it]Progetto 2020: una nuova edizione del Magazine in lingua...

[:en]Our editorial activity has always been supported by a well-structured, comprehensive platform of enterprise services for business development, including networking, event management and preparatory activities for the opening of new markets. It will now be enhanced with a new magazine complementing the international edition and the Excellence Magazine Green special.[:it]La nostra offerta editoriale, che si affianca ad una piattaforma articolata di servizi alle imprese per lo sviluppo del business, che comprende anche attività di networking, organizzazione eventi e attività propedeutiche alla apertura di nuovi mercati, si arricchisce di una nuova testata che si affianca all’edizione dedicata al mercato internazionale e allo speciale Excellence Magazine Green. [:]

[:en]Maison et Objet, happening in Paris to celebrate modern design[:it]Maison et Objet, a Parigi si celebra il design[:]

[:en]Like other past events, this edition of Maison Et Objet was a celebration of design, creativity, and quality that hosted numerous luxury brands, amazing interior designers, and incredible conferences[:it]Come altri eventi passati, questa edizione di Maison Et Objet è stata una celebrazione del design, della creatività e della qualità che ha ospitato numerosi marchi di lusso, straordinari designer di interni e incredibili conferenze[:]

The Grappa Cocktails in a handbook

[:en]A book to discover the many ways to drink Grappa, a high-quality spirit produced for the past 240 years by Nardini, one of the oldest European Companies[:it]Un libro per scoprire i molteplici modi di bere la Grappa, distillato d'eccellenza prodotto da 240 anni da Nardini, una delle più antiche aziende europee.[:]