The Art of Heart beats in Brussels

Category:

Trattandosi del primo grande evento artistico dell’anno, la fiera è considerata uno strumento affidabile per analizzare i trend del mercato dell’arte. Fedele al suo credo di eclettismo, qualità e mix di stili, BRAFA 2020 offrirà ai visitatori una gamma ricca e variegata di gallerie tra le più importanti al mondo, specializzate in arte antica, moderna e contemporanea. Ancora una volta, BRAFA soddisferà le elevate aspettative dei collezionisti e degli amanti dell’arte, consentendo loro di rivisitare la storia dell’arte, i suoi diversi periodi e stili, nei vari continenti.

Nata come una fiera dedicata ai commercianti d’arte belgi, BRAFA sta diventando più internazionale che mai. Il ritmo della sua trasformazione è aumentato nel corso degli ultimi dodici anni, a partire dalla sua delocalizzazione dal Centre for Fine Arts di Victor Horta ai grandi magazzini industriali del Tour & Taxis. Quest’anno, BRAFA ospita 50 gallerie belghe e 83 gallerie internazionali. Questo rivela il crescente impatto e il grande fascino di BRAFA, in un contesto globale in cui gli scambi internazionali stanno diventando, di anno in anno, sempre più importanti. La combinazione di diverse nazionalità migliora l’offerta di arte di BRAFA, rendendola ancora più eclettica. Le BRAFA Art Talks sono un altro dei punti di forza di BRAFA e aggiungono valore al contenuto artistico della fiera. Oltre alle mostre, BRAFA organizza una serie di affascinanti conferenze tenute da curatori, esperti, giornalisti e altri noti personaggi del mondo dell’arte, belgi e internazionali.
Questa 65esima edizione di BRAFA promette di essere eccezionale, con un arredamento rinnovato su misura per ospitare la selezione di 133 gallerie. BRAFA è una delle uniche fiere al mondo che riesce a ripensare completamente il design degli interni per ogni sua nuova edizione. In quest’ottica, la fiera organizza anche un concorso annuale per gli studenti de La Cambre (L’Ecole Nationale Supérieure des Arts Visuels), incaricati di progettare i tappeti per le principali passerelle della fiera.

Visitare BRAFA è davvero un’esperienza unica ogni anno. Gli amanti dell’arte sono invitati a passeggiare tra gli stand sontuosamente arredati, lasciando che il loro sguardo venga attratto dalla magnificenza dei dipinti, disegni, incisioni, sculture, gioielli, mobili e oggetti d’arte, il meglio delle belle arti, dell’antiquariato, dell’arte antica, dell’arte moderna e contemporanea e del design. Ma qual è il segreto dell’eccellenza di BRAFA?
Secondo Beatrix Bourdon, amministratore delegato della fiera: “L’eccellenza e il successo della fiera sono dovuti alla fedeltà delle gallerie partecipanti che offrono il meglio in un’ampia varietà di ambiti. L’obiettivo è quello di soddisfare le aspettative di collezionisti esperti e altamente informati, ispirando al contempo gli amanti dell’arte a iniziare una collezione o semplicemente ad acquisire la loro prima opera d’arte. Credo che BRAFA dovrebbe rimanere una fiera attraente, accogliente e aperta a tutti!” Rendezvous alla fiera d’arte BRAFA a gennaio: che tu sia un collezionista esperto, un conoscitore o un appassionato d’arte, BRAFA ti invita ad ammirare i suoi rari tesori in un’atmosfera calda e accogliente.

BRAFA ART FAIR – 26 GEN – 02 FEB 2020
Tour & Taxis, Avenue du Port 88 – 1000 Brussels
www.brafa.art

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Intesa-Ubi: nasce gigante bancario al servizio di territorio e PMI

Intesa-Ubi: Lauro (Unimpresa), nasce gigante bancario al servizio di territori e PMI

Il Giardino di Boboli ospita “Give” di Lorenzo Quinn

"Give" è un dono dell’artista e della sua galleria alla città di Pietrasanta, dove a settembre sarà installato nel Parco Internazionale di Scultura e dove farà parte di un progetto Onu contro il cambiamento climatico

Barriques Museum, il nuovo Tempio dell’Arte Contemporanea

L’arte contemporanea ha un nuovo tempio, si chiama Barriques Museum, un connubio Arte Vino che nasce grazie al genio innovativo del professor Stefano Pizzi della cattedra di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera e Tenute Orestiadi