59° Salone del Mobile: le parole d’ordine sono Bellezza e Sostenibilità

Category:

Tenutasi nell’Aula Magna dell’Università Cattolica di Milano, la conferenza stampa per la 59a edizione del Salone del Mobile è stata molto frequentata ed estremamente animata. A questa conferenza sono stati fatti numerosi annunci importanti, come l’aggiunta della nuova parola Beauty al Manifesto, la conferma dei nuovi formati espositivi Workplace3.0 e S.Project, il ritorno di EuroCucina e l’Esposizione Internazionale del Bagno.

Claudio Luti, presidente del Salone del Mobile, ha introdotto la parola chiave di quest’anno, che viene aggiunta al Manifesto nato 2 anni fa: 2020 è l’anno della bellezza, un termine che racchiude tutte le 10 parole precedenti. L’intero Manifesto sarà raccontato dall’installazione per il Salone 2020 progettata da Davide Rampello nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale, una bellezza intesa come visione etica del progetto, intrinseca al DNA umano, da raccontare attraverso le 10 parole del poster interpretato da altrettanti autori del cinema italiano.

L’altro tema imperdibile di questa 59a edizione è la sostenibilità.

Il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha indicato i legami di Milano con il Salone come un motore di creativi, imprese e visitatori in una città che ha (ri) scoperto la propria “bellezza” e pone saldamente sostenibilità, responsabilità sociale e giovani al centro, mentre Francesco Morace ha condiviso i suoi pensieri su come potrebbe apparire il settore in futuro: la sostenibilità sarà più intelligente, i servizi saranno condivisi, la bellezza sarà un bene comune e la comunicazione dovrà affrontare la grande sfida dell’autenticità.

sponsored
sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Pinko alla Shanghai Fashion Week

Pinko, unico brand italiano in calendario, ha voluto dare continuità alla propria presenza scegliendo, come ha precisato Pietro Negra, Amministratore Delegato di Pinko, di partecipare prendendo atto che per il settore fashion l’integrazione con il digitale sarà sempre maggiore specialmente per quanto riguarda gli eventi

Excellence Fashion Diaries: Calicanto Luxury Bags, la Linea Sottile tra Moda e Architettura

Ci sono quegli oggetti immaginifici, che piacciono perché non sono solo belli, ma sono interessanti, dei feticci irresistibili e desiderabili come un’opera d’arte. Il libro Il lato oscuro del design mette in luce quei prodotti appunto definiti paradossalmente di design, quando in realtà non adempiono alla loro vera funzione d’uso pratico che migliora un’azione quotidiana, ma svelano solo la propria anima estetica, elitaria. Uno fra tutti? Lo spremiagrumi di Philippe Starck, un esempio di oggetto cult la cui appartenenza ne comunica uno status symbol e la soddisfazione del desiderio del fruitore

Five Points collection, Gianfranco Ferré Home

Dettagli raffinati, linee pure e proporzioni eleganti per la collezione Five Points, caratterizzata da un approccio di design contemporaneo, presenta una combinazione senza precedenti di materiali sofisticati e pregiati, che esprime perfettamente lo spirito eclettico di Gianfranco Ferré Home