Coronavirus. Emergenza Media e Fake News: basta con il sensazionalismo fine a se stesso

Category:

Coronavirus. Emergenza Media e Fake News: basta con il sensazionalismo fine a se stesso che potrebbe provocare, per il futuro della ripresa, una condizione psicologica, individuale e collettiva, rinunziataria, alienata e disfattista

Ci vorrebbe maggiore equilibrio, nella comunicazione, tra l’aspetto scientifico della notizia e il sensazionalismo che ormai si attribuisce ad essa.

Il Covid-19 non è una semplice influenza,  ma non è neppure l’Ebola.

Sta creando tensioni e pressioni, sicuramente, anche per la carenza di strutture disponibili ad affrontare un’emergenza sanitaria di questa portata.

Ogni giorno, tuttavia, televisioni, giornali trattano di questo virus, in modo non professionale, contribuendo ad aumentare e non ad attenuare la tensione collettiva, senza contare le deleterie fake news che spopolano sui social.

Da editore comprendo che tutto quanto fa notizia possa attirare l’attenzione delle persone e di conseguenza degli sponsor e via discorrendo.

Ma ciò non può valere in questa drammatica situazione.

Riportare, ad ogni ora, per tutto il giorno, il numero dei morti, degli infettati, con annunzi e titoloni in evidenza, contribuirà solo a provocare una disgregazione psicologica e sociale.

Questo sensazionalismo fine a se stesso sta diventando un virus, aggiuntivo al Coronavirus, e sta creando un forte impatto negativo nel cervello delle persone che, a lungo andare, potrebbe rivelarsi un autentico boomerang proprio per i media.

Ci sono molte altre malattie, disagi sociali, che causano molti più morti, ma non sono riportate, ogni ora, come accade per il Covid-19.

Sono consapevole che, per mille motivi,  non sia facile dare il giusto peso alle cose e decidere come una notizia debba essere comunicata.

Sono convinto, comunque, che la troppa esposizione, l’eccesso, l’ossessione comunicativa, una sorta di overdose,  alimenterà ulteriormente  il panico, individuale e collettivo, che non sarà facile sradicare quando si dovrà ripartire nella ripresa.

A partire dall’economia, ma non solo, che potrebbe subire degli effetti devastanti e che, richiederà, per il dopo, forza di volontà, determinazione e ottimismo, non una condizione psicologica rinunciataria, alienata e disfattista.

Luigi Lauro

sponsored
Luigi Lauro
Luigi Lauro
The Editor in Chief

Related Posts

Real Estate Guide & Trends 2020

The Real Estate Investment Guide & Trends per il 2020 prodotta da Precondo, si concentra sulle varie forme di investimenti immobiliari e sugli aspetti da considerare prima di effettuare un investimento.

The ME by Mèlia a Dubai: un Capolavoro Firmato Zaha Hadid

Vi presentiamo una delle opere più creative realizzate dal grande architetto Zaha Hadid:  il ME by Meliá a Dubai, un capolavoro architettonico all'avanguardia situato in The Opus, uno degli edifici più attesi del 2020

Renzo Rosso acquista l’Hotel Ancora, in più antico di Cortina d’Ampezzo

La holding di Renzo Rosso ha investito a Cortina d’Ampezzo, assicurandosi la proprietà del più antico hotel della cosiddetta Regina delle Dolomiti. Si tratta dell’Hotel Ancora, fondato nel 1826 e in fase di ristrutturazione