Montblanc 1858 Geosphere, ritorno alla natura

Category:

Lancette che scorrono scandendo il tempo e, allo stesso tempo, tramandando una storia. L’orologio Montblanc 1858 Geosphere è dedicato alla sfida mondiale di alpinismo ‘Seven Summits’: la cassa in titanio di 42 mm presenta dettagli blu a contrasto con elementi color ghiaccio, che traggono ispirazione proprio dai colori dei ghiacciai.

Il segnatempo è dotato di un particolare meccanismo per la lettura universale dell’ora, presenta infatti due globi bombati che ruotano in direzioni opposte, compiendo un’evoluzione completa in 24 ore. Entrambi sono circondati da una scala con i 24 fusi orari, insieme a un’indicazione giorno/notte con colori a contrasto che consente di apprezzare al meglio i vari fusi orari, grazie anche alla SuperLumiNova applicata ai continenti, che garantisce maggiore visibilità e migliori prestazioni al buio. Il segnatempo è completato da un cinturino in pelle di vitello blu sfumato con impunture bianche.

montblanc

La linea Montblanc 1858 trae ispirazione dai leggendari orologi professionali Minerva degli anni ’20 e ’30, ideati per un uso militare e per le esplorazioni.

La linea Montblanc 1858 reinterpreta questi segnatempo leggendari ed esprime lo spirito delle escursioni alpine, incarnando la tendenza moderna del ritorno alla natura.

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Intesa-Ubi: nasce gigante bancario al servizio di territorio e PMI

Intesa-Ubi: Lauro (Unimpresa), nasce gigante bancario al servizio di territori e PMI

Il Giardino di Boboli ospita “Give” di Lorenzo Quinn

"Give" è un dono dell’artista e della sua galleria alla città di Pietrasanta, dove a settembre sarà installato nel Parco Internazionale di Scultura e dove farà parte di un progetto Onu contro il cambiamento climatico

Barriques Museum, il nuovo Tempio dell’Arte Contemporanea

L’arte contemporanea ha un nuovo tempio, si chiama Barriques Museum, un connubio Arte Vino che nasce grazie al genio innovativo del professor Stefano Pizzi della cattedra di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera e Tenute Orestiadi