Venezia riapre all’arte: annunciate tre mostre a Palazzo Grassi

Category:

Nella cornice splendida e deserta dell’atrio di Palazzo Grassi a Venezia, Bruno Racine, il nuovo direttore delle sedi veneziane della Fondazione Pinault, Palazzo Grassi e Punta della Dogana, ha incontrato la stampa per raccontare i progetti futuri per il suo mandato, della tanto attesa riapertura delle sedi espositive.

La stagione espositiva 2020 sarà all’insegna della fotografia, che a Palazzo Grassi ospiterà “Le Grand Jeu”, la mostra di Henri Cartier-Bresson composta da una selezione di 385 immagini individuate dal leggendario fotografo, agli inizi degli Settanta, come le più significative della sua opera.

bresson palazzo grassi

“Once upon a Dream” è invece l’esposizione monografica dedicata all’artista egiziano Youssef Nabil e ai suoi scatti che ritraggono un Egitto leggendario e suggestivo, mostra allestita sempre a Palazzo Grassi.

Negli spazi di Punta della Dogana saranno rappresentati invece ai tanti media dell’arte contemporanea, con la mostra collettiva “Untitled, 2020. Tre sguardi sull’arte di oggi”, con oltre 60 opere di artisti di diverse generazioni.

Secondo le nuove misure di sicurezza, l’ingresso del pubblico sarà contingentato, con una capienza massima consentita che con ogni probabilità sarà di circa 250-300 visitatori  in contemporanea per sede, e con la prenotazione online consigliata per una migliore gestione dei flussi.

Tra i propositi di Racine per la sua direzione, quello di avvicinare il pubblico all’arte contemporanea, in certi casi vista con più sospetto e giudicata meno comprensibile rispetto all’arte di epoche antecedenti.

L’arte di oggi parla a tutti, non solo a un pubblico di conoscitori

afferma il direttore

gli artisti contemporanei, infatti, si pongono questioni spesso simili a quelle sollevate dai grandi nomi del passato, dandosi però altre risposte, figlie dei loro tempi.

Ecco allora la voglia di fare di più, di cambiare le carte in tavola, con l’idea di dar vita in futuro a mostre dove la collezione d’arte contemporanea privata del magnate francese Francois Pinault − un corpus di più di tremila pezzi, che spaziano dal XX al XXI secolo − verrà messa in dialogo con opere del passato, per renderne visibili gli elementi di continuità e di rottura.

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Intesa-Ubi: nasce gigante bancario al servizio di territorio e PMI

Intesa-Ubi: Lauro (Unimpresa), nasce gigante bancario al servizio di territori e PMI

Il Giardino di Boboli ospita “Give” di Lorenzo Quinn

"Give" è un dono dell’artista e della sua galleria alla città di Pietrasanta, dove a settembre sarà installato nel Parco Internazionale di Scultura e dove farà parte di un progetto Onu contro il cambiamento climatico

Barriques Museum, il nuovo Tempio dell’Arte Contemporanea

L’arte contemporanea ha un nuovo tempio, si chiama Barriques Museum, un connubio Arte Vino che nasce grazie al genio innovativo del professor Stefano Pizzi della cattedra di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera e Tenute Orestiadi