Gucci Off The Grid: presentata la nuova collezione sostenibile

Category:

Gucci Off The Grid è la nuova collezione sostenibile proposta da Gucci che si avvale di materiali riciclati organici, a base biologica e provenienti da fonti sostenibili come l’Econyl, un nylon rigenerato al 100% ottenuto dall’impiego di scarti pre e post consumo.

Per la campagna di lancio il marchio della doppia G si è affidato al carisma di testimonial come Jane FondaMiyaviDavid de RothschildLil Nas X King Princess.

Gucci off the grid capsule campaign

 

La nuova collezione che comprende valigie, accessori, calzature e prêt-à-porter di matrice genderless ed è la prima realizzata dal direttore creativo Alessandro Michele nell’ambito della Gucci Circular Lines, un’iniziativa creata per supportare la produzione circolare dell’azienda.

La collezione è il risultato di un lavoro di gruppo, dove ognuno ha portato qualcosa. E anche nella campagna c’è l’idea del dialogo tra persone che costruiscono qualcosa di nuovo

è il commento del designer

Ho immaginato che potessimo costruire tutti insieme, un po’ come dei bambini che giocano nel parco, una casa sull’albero nel centro di una metropoli, perché tutti noi abbiamo bisogno di costruire questa casa o di scoprire che esiste il pianeta anche dove ci sembra che non ci sia, o che sia lontano

La campagna ha una importante pianificazione globale ideata dal direttore creativo del brand, in cui l’obiettivo del fotografo e regista Harmony Korine è puntato su Jane Fonda, sul chitarrista, cantautore, produttore discografico e attore Miyavi, su David de Rothschild, ambientalista ed esploratore, Lil Nas X, rapper, cantante e cantautore vincitore del Grammy Award e King Princess, cantante, cantautore, strumentista e produttore musicale.

Gucci off the grid capsule campaign

Sono ritratti in una casa costruita su un albero, che sorge accanto ai moderni edifici di cemento e vetro di Los Angeles. «La casa sull’albero e lo stile di vita semplice che rappresenta diventano dunque una potente metafora del desiderio di sfuggire alle convenzioni e godere l’esperienza di vivere maggiormente Off the Grid», è il commento della casa di moda.

Oggi più che mai, spiegano da Gucci, il diffondersi della pandemia di coronavirus e il blocco tra i Paesi in tutto il mondo, fa sì che gli esseri umani abbiamo bisogno di «stabilire un legame con il mondo esterno e siano affascinati dalla forza e dalla magnificenza della natura».

Gucci off the grid capsule campaign

La campagna ha debuttato sui Gucci ArtWalls in tutto il mondo dallo scorso 15 giugno, in Largo la Foppa a Milano, nel quartiere di Corso Garibaldi; nei pressi della Brick Lane nell’East End londinese; nel complesso commerciale Fengsheng Li, nel quartiere Jingan di Shanghai; in Lafayette Street, nel quartiere SoHo di Manhattan; in D’Aguilar Street, nell’area Lan Kwai Fong a Hong Kong e in Yongkang Street, nel quartiere Da’an, a Taipei.

Una sezione dell’app Gucci dedicata alla nuova proposta permetterà agli utenti di cimentarsi in un quiz a tema, rispondendo a domande sulla collezione e sul processo di produzione circolare che la caratterizza. Ispirandosi al tema della campagna, i giocatori potranno costruire la propria capanna virtuale nel bel mezzo della città, rispondendo correttamente alle domande e conquistando l’accesso a uno sfondo esclusivo da condividere sui social.

creative director: Alessandro Michele

art director: Christopher Simmonds

photographer/directorHarmony Korine

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Intesa-Ubi: nasce gigante bancario al servizio di territorio e PMI

Intesa-Ubi: Lauro (Unimpresa), nasce gigante bancario al servizio di territori e PMI

Il Giardino di Boboli ospita “Give” di Lorenzo Quinn

"Give" è un dono dell’artista e della sua galleria alla città di Pietrasanta, dove a settembre sarà installato nel Parco Internazionale di Scultura e dove farà parte di un progetto Onu contro il cambiamento climatico

Barriques Museum, il nuovo Tempio dell’Arte Contemporanea

L’arte contemporanea ha un nuovo tempio, si chiama Barriques Museum, un connubio Arte Vino che nasce grazie al genio innovativo del professor Stefano Pizzi della cattedra di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera e Tenute Orestiadi