Immersive Van Gogh a Toronto nasce il drive-in dell’arte

Category:

Mentre i musei provano a ripartire facendo rispettare, tra un dipinto e l’altro, la distanza di sicurezza, in Canada c’è chi ha pensato a un approccio alternativo per far tornare i cittadini a godere dell’arte e della cultura.

A Toronto è nato il drive-in dell’arte, un vero e proprio cinema in cui è possibile ammirare i dipinti di Van Gogh.

A causa del Covid abbiamo dovuto pensare in modo creativo

ha detto Corey Ross, un coproduttore della mostra, ritardata a causa dell’epidemia.

E allora in un enorme magazzino della città canadese è stata allestita un’esposizione attraverso la proiezione delle opere su muri e pavimenti. È possibile guidare direttamente all’interno dell’edificio per ammirare girasoli e notti stellate, comodamente dal proprio sedile.

L’evento, intitolato Immersive Van Gogh, è ospitato all’interno di un palazzo a cinque piani. «Le luci si spengono e inizia la proiezione», spiega Ross, «Sarà quasi come se l’auto fluttuasse attraverso i dipinti».

sponsored
Emanuela Zini
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

Le spettacolari case vacanze di Justin Bieber

Justin è famoso quasi per le sue stravaganti vacanze, come lo è per la sua lunga lista di canzoni e video di successo

Unimpresa, crolla valore quotate, meno 100 miliardi in un anno

Studio dell'associazione sul possesso delle aziende italiane. Meno della metà delle quote di società presenti sui listini finanziari - il cui valore è crollato complessivamente di 100 miliardi negli 12 mesi - è detenuta da soggetti stranieri

Kansai Yamamoto la sua eredità ci parla di bellezza e tradizioni

Impossibile scindere l’immagine di Kansai Yamamoto dalla sua creatura più famosa, la suit “Tokyo Pop”, realizzata per David Bowie nel 1973